Carcinoma epatocellulare: movime…

L'esercizio fisico p…

Nuova importante scoperta Italia…

[caption id="attachment_7…

Tumore avanzato alla prostata: v…

[caption id="attachment_5…

neurochirurgia spinale percutane…

E' ora possibile ripara…

Nuova tecnica di imaging microsc…

[caption id="attachme…

Cellule staminali per riparare l…

Approvato il primo farmac…

Steatosi Epatica: un aiuto dalla…

Mangiare cibi con alt…

Alzheimer: l'allattamento al sen…

L'allattamento al sen…

Un'inaspettata alleata contro il…

Si è scoperto che l'etero…

Mal di schiena: anche il fumo pr…

Ricercatori italiani svel…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

E’ italiano il collirio anti-glaucoma

 NGF

NGF

Roma, 4 ago. – Uno speciale collirio, messo a punto da ricercatori italiani, potrebbe divenire la nuova cura contro il glaucoma, considerato oggi la causa principale di cecita’ nei Paesi industrializzati.

I risultati dello studio condotto da un gruppo di oculisti dell’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con l’Istituto di Neurobiologia del CNR, l’Universita’ di Roma Tor Vergata, le Fondazioni EBRI e G.B. Bietti, e con la supervisione del Premio Nobel Rita Levi Montalcini, e’ stato pubblicato questa settimana sulla prestigiosa rivista dell’Accademia Americana delle Scienze, Proceedings of the National Academy of Sciences of the USA (PNAS).


Lo studio, condotto prima su modello animale e successivamente su tre pazienti con glaucoma avanzato, fornisce le prime evidenze che il Fattore di Crescita Nervoso, scoperto negli anni cinquanta dal Premio Nobel Levi Montalcini, somministrato in gocce sulla superficie oculare, previene i danni e migliora la funzione della retina e del nervo ottico provocati dal glaucoma. La sperimentazione effettuata sui tre pazienti ha mostrato miglioramenti duraturi delle funzioni del nervo ottico, con potenziamento del campo visivo e della vista.

Per arrivare tuttavia all’applicazione clinica del nuovo collirio saranno ancora necessarie: la produzione di rhNGF (Fattore di Crescita Nervoso sintetico), la sua approvazione e una sperimentazione clinica su un ampio campione di pazienti per confermare i risultati dello studio pilota. Il Fattore di Crescita Nervoso e’ una neurotrofina espressa fisiologicamente in diversi tessuti del corpo umano. Ha effetti protettivi e rigenerativi sui neuroni del sistema nervoso centrale e periferico.


In anni recenti il suo uso ha sollevato molto interesse in vista di nuovi approcci terapeutici contro fenomeni degenerativi in ambito neurologico, come ad esempio Parkinson e Alzheimer. Studi preliminari hanno mostrato che l’iniezione transcranica di NGF procura benefici in pazienti affetti da queste due malattie. Nella successiva ricerca di un metodo di somministrazione meno invasivo si e’ tuttavia osservato che l’NGF e’ in grado di raggiungere il cervello anche se somministrato attraverso la superficie oculare o la mucosa nasale. Anche in questo ambito il gruppo di ricercatori dell’Universita’ Campus Bio-Medico di Roma e’ impegnato ad approfondire le possibili applicazioni terapeutiche dell’NGF in studi condotti in collaborazione con il CNR e la Fondazione EBRI.



AGI Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: