Il modello della Rete Nefrologic…

Torino, 22 novembre 2013.…

Tumori: in laboratorio molecole …

I ricercatori dell'Unive…

Scoperto anticorpo in grado di b…

Testato su 36 ceppi influ…

Tumori: proteina aiuta cellule m…

[caption id="attachment_8…

Alzheimer: da recenti ricerche, …

Uno studio dell'universit…

Raggi UV: proteggersi anche con …

La dieta SPF aiuta a cost…

Nuova Valvola Per Il Trattamento…

Il nuovo sistema per l’im…

Celiachia: nuova pasta "gluten f…

La nuova frontiera per ch…

Onde radio sui reni regolano la …

[caption id="attachment_1…

Il cervello cresce con l'allenam…

Il cervello è 'speedy', o…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Riparare la retina con cellule proprie

 

cellule retiniche e cellule staminali

Il kit dei ‘pezzi di ricambio’ del corpo umano si arricchisce di nuove parti. Un team di ricercatori americani dell’Universita’ del Wisconsin-Madison e’ infatti riuscito a ricostruire in laboratorio cellule della retina nuove di zecca, a partire da due tipi di staminali simil-ebrionali derivate dalla pelle.
Insomma, in futuro i danni della retina potranno essere curati utilizzando cellule ottenute proprio da pelle prelevata dal paziente da trattare.


La scoperta e’ descritta dal gruppo diretto dall’oftalmologo David Gamm e dal ricercatore Jason Meyer sull’ultimo numero di ‘Pnas’.




“Si tratta di un passo avanti importante, perche’ non solo conferma che cellule retiniche diverse possono essere ottenute da cellule staminali simil-embrionali ringiovanite (iPS, staminali pluripotenti indotte), ma anche che questo processo e’ simile al normale sviluppo della retina”, precisa Gamm. Le cellule della pelle sono state fatte ‘ringiovanire’ usando l’approccio messo a punto proprio nell’ateneo Usa da James Thomson, che nel 2007 aveva annunciato la creazione delle prime staminali umane simil-embrionali, ottenute ringiovanendo cellule della pelle adulte.

In questo caso, una volta riprogrammate le ‘cellule bambine’ sono state usate per creare diversi tipi di ‘mattoncini’ della retina.
Fin da ora la scoperta permettera’, spiegano i ricercatori, di realizzare modelli in laboratorio per studiare alcune malattie dell’occhio e mettere a punto nuovi farmaci.


1 comment

  1. angelo marino

    ngelarino affetto da retinite pigmentosa dalla nascita e in stato di ipovedenza da circa dieci anni chiede anche da subito mettersi in lista per la sperimentazione per eventuale intervento con cellule staminali proprie

    attendo vs. notizie con fiducia e vi saluto distintamente

    p.s. ANGELO MARINO
    TEL 3391375088
    ” 0823 361635 caserta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: