Parte la Campagna “Un minuto che…

·         Parte il Pr…

Quando il cuore inizia i primi b…

[caption id="attachment_6…

Ischemia, passando per le 'biste…

Scoperto un nuovo meccani…

AIDS: con antiretrovirali assunt…

Secondo lo studio, dunque…

AIDS: paziente leucemico guarito…

[caption id="attachment_1…

Come il cervello è in grado di d…

Perché mangiamo troppo …

Latte materno: studio mette il l…

L'allattamento al seno …

Ictus: anche i traumi al collo, …

Secondo un nuovo studio, …

Cervello: i neuroni dell'empatia…

[caption id="attachment_6…

Artrite reumatoide: individuate …

Tre nuovi trattamenti far…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Da enzima digestivo ad arma velenosa

In un toporagno e in una lucertola si sono verificati cambiamenti molecolari simili che hanno trasformato un innocuo enzima digestivo in una potente tossina

enzima callicreina

enzima callicreina

L’adattamento delle proteine può essere un processo prevedibile e questo può essere d’aiuto all’identificazione di tossine prodotte da un’ampia gamma di specie. E’ quanto risulta da uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Harvard che hanno mostrato come in due specie fra loro non imparentate, un toporagno e una lucertola, si sono verificati cambiamenti molecolari simili in un innocuo enzima digestivo che lo hanno trasformato in una tossina.

Il lavoro appare importante per la comprensione del modo in cui evolvono nuove funzioni delle proteine.

“E’ notevole che lo stesso tipo di cambiamenti abbia indipendentemente promosso la produzione di una stessa tossina finale”, osservano i ricercatori diretti da Hopi E. Hoekstra, e Yael T. Aminetzach che firmano un articolo su “Current Biology“.

“Il veleno è essenzialmente una iper-attivazione dell’enzima digestivo originario, che ne amplifica gli effetti. Quello che era un debole anticoagulante presente nel prodotto delle ghiandole salivari di entrambe le specie è diventato un composto dagli effetti estremi che causa la paralisi e la morte della preda morsicata”, dice T Aminetzach.

Nello studio i ricercatori hanno confrontato una tossina presente nelle ghiandole salivari del toporagno americano dalla coda corta (Blarina brevicauda) rilevandone la stretta somiglianza con l’enzima digestivo callicreina, e notando che la differenza fra le due molecole era strettamente localizzata attorno al sito attivo dell’enzima.

“L’attività catalitica è potenziata da tre specifici cambiamenti. Il sito attivo è mantenuto fisicamente aperto e gli anelli che lo circondano sono molto più flessibili. L’area circostante diventa così carica positivamente, una cosa che ‘guida’ il substrato direttamente verso il sito attivo”, spiega Aminetzach.

Successivamente i ricercatori hanno analizzato un’altra tossina simile alla callicreina, prodotta dalla lucertola perlinata (Heloderma horridum), rilevando un analogo potenziamento di attività rispetto alla callicreina originaria, riconducibile a modificazioni analoghe nella sua struttura molecolare.

Le Scienze – L’Espresso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: