Poliomielite: serve un vaccino n…

La battaglia contro la po…

Abbronzatura: una microcapsula p…

Un nuovo metodo basato su…

Cancro: il caso più antico mai t…

Scoperto il più antico ca…

Ricercatori europei sono riuscit…

Un team di ricercatori is…

Gli oncologi si pronunciano circ…

Mirtilli e melanzane anti…

Retinoblastoma: arriva nuova cur…

[caption id="attachment_1…

Come la ris. magnetica puo' esse…

[caption id="attachme…

Obesita’, una patologia ad alto …

Associazione di Iniziativ…

Come i batteri marini conformano…

I microrganismi marini et…

Leucemia in fase avanzata: nuovo…

In occasione di uno de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vitamina D: il riscontro del carcinoma mammario nelle donne con bassi livelli della vitamina

Le donne cui è stato diagnosticato un carcinoma mammario dovrebbero assumere alte dosi di vitamina D, in quanto la maggior parte delle pazienti con cancro al seno ne hanno livelli troppo bassi. Le conseguenze di un simile abbassamento del valore di vitamina D sono la diminuzione di massa ossea e quindi il maggior rischio di fratture.
E’ quanto hanno scoperto in una recente ricerca gli scienziati dello University of Rochester Medical Center.
In uno studio su 166 donne sottoposte a trattamento per il cancro al seno, quasi il 70 per cento ha bassi livelli di vitamina D nel sangue.
I risultati delle analisi degli studiosi sono stati presentati giovedì scorso nel corso dell’American Society of Clinical Oncology’s Breast Cancer Symposium svoltosi a San Francisco. L’osservazione del campione di pazienti affette da carcinoma mammario ha mostrato come le donne con la malattia in uno stadio avanzato avevano livelli ancora più bassi rispetto alle altre.
Come ha spiegato Luke Peppone, del National Cancer Institute’s Community Clinical Oncology, autore dello studio:

La vitamina D è fondamentale per mantenere la salute delle ossa, e le donne con cancro al seno subiscono un accelerazione nella perdita ossea a causa della natura della terapia ormonale e in conseguenza della chemioterapia. E’ importante che le pazienti concordino con il loro medici una terapia integrativa per incrementare l’assunzione di vitamina D.

Gli scienziati hanno analizzato i livelli di vitamina D in ogni donna, e il livello medio era di 27 nanogrammi per millilitro, oltre i due terzi delle donne avevano carenza di vitamina D. L’US Institute of Medicine suggerisce che i livelli ematici adeguati sono di quasi 32 nanogrammi per millilitro.
 Studi precedenti hanno dimostrato che quasi la metà di tutti gli uomini e le donne sono carenti di sostanze nutritive, con i livelli di vitamina D sotto i 32 nanogrammi per millilitro. La vitamina D, che si ricava da latte, cereali arricchiti e dall’esposizione alla luce solare, svolge un ruolo essenziale nella crescita cellulare, stimola il sistema immunitario del corpo e rafforza le ossa.
I sintomi di carenza di vitamina D sono dolori muscolari, ossa deboli, predisposizione alle fratture, abbassamento delle difese immunitarie, sintomi di depressione e sbalzi d’umore, difficoltà nel sonno, molti dei quali sono sintomi comunemente riscontrati dai medici nelle donne sottoposte a terapia per il cancro al seno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: