FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

Zero casi di meningite: un obiet…

Soglie di copertura vacci…

Reimpiantate gambe quasi complet…

Ha rischiato di perdere e…

Smettere di fumare porta al cuor…

Smettere di fumare potreb…

Circuiti neuronali per elaborare…

[caption id="attachment_9…

Nanomagneti ad effetto 'microond…

[caption id="attachme…

Tumori: arriva un vaccino anti H…

Realizzato un nuovo vacci…

Trapianti: gli anticoagulanti ut…

I farmaci che prevengono …

Impiantato cuore artificiale all…

[caption id="attachment_…

Tumore alla vescica: più aggress…

Le persone che fumano han…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Yogurt: fermenti lattici limitano assorbimento calorie, ottimo contro diabete e obesità

ROMA – Una dieta ricca di fibre vegetali e yogurt, cominciata già nello svezzamento, favorisce lo sviluppo di una flora batterica protettiva e aiuta a prevenire obesità e diabete. Lo dimostra uno studio finlandese presentato a Riccione, nel congresso della Società Italiana di Diabetologia.

La ricerca, condotta su 50 bambini seguiti dalla nascita fino all’età di 7 anni, dimostra che i fermenti lattici non agiscono soltanto sulla mucosa intestinale, come si credeva, ma hanno effetti importanti per l’intero organismo.



Regolano infatti l’assorbimento di energia dagli alimenti e possono ridurlo del 2%: “questo nell’arco di anni e decenni può fare la differenza fra il restare normopeso o mettere su qualche chilo di troppo”, ha spiegato Rosalba Giacco, dell’Istituto di Scienza dell’alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) ad Avellino.

I fermenti lattici producono infatti acido acetico, propionico e butirrico: “i primi due vanno nella circolazione sanguigna e regolano la produzione epatica di glucosio e grassi come colesterolo e trigliceridi, l’acido butirrico “nutre” e protegge le cellule intestinali”, ha osservato l’esperta.



“Gli obesi – ha aggiunto – hanno una flora intestinale completamente diversa da quella di chi è magro. E quando perdono peso, la flora si modifica e aumenta la quantità di batteri buoni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: