Depressione: scienziati indagano…

Ricercatori francesi hann…

LA SIPPS plaude alla diminuzione…

Da anni la Società Italia…

Malattie osteoarticolari: a Fire…

Il 18% della popolazi…

Retina artificiale organica: ita…

Una retina artificiale pe…

Osteoporosi e pazienti con il di…

Tra le tante complic…

Epatocarcinoma: perche' gli uomi…

[caption id="attachment_7…

Cancro tiroide - rara forma: un …

Una combinazione di t…

Dalla talassemia ai disturbi car…

[caption id="attachme…

Crisi epilettiche: la proteina c…

La putrescina prodotta a …

Alzheimer in età giovanile: sott…

Le statistiche dimostrano…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gravidanza: progesterone e fluttuazioni ormonali, il cervello e le percezioni da superpoteri

La gravidanza affina la capacita’ della donna di capire le emozioni altri, soprattutto quelle negative, leggendo in modo infallibile sul viso altrui intenzioni aggressive e minacciose.

La scoperta, di Rebecca Pearson dell’Universita’ di Bristol, riportata dal magazine britannico New Scientist, e’ stata pubblicata sulla rivista Hormones and Behavior.

l'ormone progesterone

l'ormone progesterone


Dietro questi ‘superpoteri’, ha spiegato la Pearson, c’e’ lo zampino degli ormoni, con molta probabilita’ e’ il progesterone, le cui concentrazioni si impennano in gravidanza, ad aguzzare le ‘capacita’ percettive’ della gestante. Gia’ precedenti studi avevano dimostrato che la donna, a seconda della fase del ciclo mestruale in cui si trova (e quindi delle fluttuazioni ormonali), e’ piu’ o meno capace di riconoscere sul volto le emozioni degli altri; addirittura uno studio aveva dimostrato che le capacita’ femminili di riconoscere sul volto di una persona il suo stato di salute aumentano nelle fasi del ciclo in cui la donna produce molto testosterone, cioe’ dopo l’ovulazione; cio’ probabilmente e’ un meccanismo di difesa della donna che puo’ restare incinta.

Ma cosa succede in gravidanza finora era stato poco indagato.

Gli esperti hanno chiesto a 76 gestanti di assegnare una di sei emozioni proposte a 60 volti generati al computer; l’esperimento e’ stato ripetuto due volte, prima della 14esima settimana di gestazione e dopo la 34esima.

E’ emerso che, mentre per le emozioni positive le capacita’ percettive della gestante non cambiano all’inizio e alla fine della gravidanza, invece le capacita’ di riconoscere emozioni negative come rabbia e minaccia sul volto di un altro si affinano durante l’ultima fase della gestazione.

Cio’, ha aggiunto, si e’ probabilmente evoluto per preparare la gestante a difendere lei e il feto da pericoli esterni e poi per prepararla al momento in cui dovra’ accudire e proteggere il bebe’ da eventuali minacce. Ma il prezzo da pagare per queste capacita’ di ipervigilanza, hanno concluso gli esperti, e’ spesso la comparsa di disturbi d’ansia che puo’ interessare molte gestanti e neomamme.

Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: