NOTES: chirurgia mini-invasiva e…

[caption id="attachment_9…

Scoperto come zucchero e grassi …

[caption id="attachme…

Ricerca staminali: approccio din…

La ricerca sulle cellule …

Quale influenza hanno avuto le i…

Centomila anni fa la popo…

In Cina è allarme per malattie d…

Solo il 32 per cento dei …

Onde elettromagnetiche e bambini…

Secondo la Società Italia…

Malattie autoimmuni: trattamento…

Una pianta cinese dalle c…

Modello matematico per predire a…

[caption id="attachment_9…

Celiachia: nuova pasta "gluten f…

La nuova frontiera per ch…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La rete europea LeukemiaNet agevola la ricerca sul cancro

I ricercatori europei continuano i loro sforzi per migliorare le cure per i pazienti affetti da leucemia. Intanto, un team di ricerca finanziato dall’UE, sta aprendo la via integrando il lavoro di vari importanti gruppi di studio, i loro gruppi partner, l’industria e le piccole e medie imprese (PMI) in tutta Europa, per creare una rete di cooperazione per l’avanzamento della ricerca e delle terapie riguardanti la leucemia. L’obiettivo finale del progetto “European LeukemiaNet” (ELN), finanziato con 6 milioni di euro nell’ambito del Sesto programma quadro, è il lancio del Registro europeo per i trial sulla leucemia (European Leukaemia Trial Registry). Il progetto è stato recentemente presentato nella rivista Cancerworld.

Uno screenshot del sito Leukemia-net

Uno screenshot del sito Leukemia-net

Dall’inizio del 2009 i partner dell’ELN (“Strengthen and develop scientific and technological excellence in research and therapy of leukaemia (CML, AML, ALL, CLL, MDS, CMPD) by integration of the leading national leukaemia networks and their interdisciplinary partner groups in Europe”) sono riusciti a riunire gruppi di studio sulla leucemia nazionali appartenenti a 147 istituzioni in 28 paesi. Complessivamente partecipano allo studio oltre 1.000 ricercatori e circa 10.000 pazienti.


Il consorzio ELN ha già implementato nuove linee guida per i trattamenti, ha compiuto notevoli progressi nella standardizzazione delle tecniche di monitoraggio e ha avviato vari trial clinici e registri per determinate le varie forme di leucemia. È stato inoltre avviato un simposio annuale con un notevole numero di partecipanti.

L’ELN è coordinato dalla Facoltà di medicina di Mannheim dell’Università di Heidelberg in Germania, con il professor Rüdiger Hehlmann alla guida del team.

Il progetto segue il modello di una rete di competenza tedesca per le leucemie acute e croniche, che ha ricevuto un finanziamento di quasi 12 milioni di euro dal ministero tedesco per la Ricerca e l’istruzione. L’obiettivo della Rete di competenza era di colmare le lacune presenti nella ricerca e nella sanità, come ad esempio il duplicarsi e la frammentazione dei trial clinici, e la carenza di definizioni e standard per i criteri diagnostici e terapeutici.

In un articolo pubblicato nel 2004 nella rivista Leukemia, il professor Hehlmann e i suoi colleghi scrivono che la Rete di competenza ha l’obiettivo di sostenere l’eccellenza nella ricerca e nella terapia, nonché di cercare di “incorporare approfondimenti dalla ricerca sulle serie di geni nella pratica clinica, e di passare rapidamente alla classificazione molecolare delle leucemie. La rete offre un vantaggio competitivo ai medici e agli scienziati partecipanti provenienti dalla Germania e dai paesi vicini”.

Grazie all’ELN questo vantaggio sarà ora esteso anche ad altri paesi. Il progetto prevede 16 pacchetti lavoro (WP) volti all’integrazione di 95 gruppi trial sulla leucemia (relativi a tutti i tipi di leucemia), dei loro 102 gruppi di partner interdisciplinari (ad es. diagnostica, trattamento, linee guida) e dell’industria.

Sei dei pacchetti lavoro riguardano trial clinici per i tipi di malattia: leucemia linfoblasica acuta (ALL), leucemia mieloblastica acuta (AML), leucemia mieloide cronica (CML), leucemia linfoblastica cronica (CLL), malattie mieloproliferative croniche (CMPD) e sindromi mielodisplastiche (MDS). I pacchetti rimanenti riguardano argomenti interdisciplinari. L’ELN ha anche istituito un centro per la gestione della rete ed è disponibile un supporto per le tecnologie della comunicazione e dell’informazione.

Il progetto ELN ha le sue radici nei gruppi di supporto europeo esistenti – tra cui quelli per la CML – ma è riuscito ad estendersi con successo ad una serie di paesi partecipanti, ha detto la dottoressa Susanne Saussele, direttore della rete scientifica dell’ELN.

“Ora disponiamo di oltre 20 gruppi per la CML – più del doppio del numero iniziale – e tra i nuovi partecipanti ce ne sono vari appartenenti ai paesi dell’Europa orientale”, ha fatto notare la dottoressa Saussele, che è anche oncologo presso l’Università di Heidelberg.

L’ELN sta compiendo enormi progressi nello sviluppo di un sistema per la gestione dei contenuti del suo sito web, che renderà accessibili i dati dei progetti, come ad esempio gli articoli, le relazioni e i contatti.

I partner del progetto provengono da Austria, Belgio, Bielorussia, Cipro, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria e Ucraina.

Per maggiori informazioni, visitare:

European LeukemiaNet:
http://www.leukemia-net.org/

Cancerworld:
http://www.cancerworld.org/cancerworld/home.aspx?id_sito=8&id_stato=1

 

Cordis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: