Depressione: messo a punto un te…

Un test economico - d…

Cellule staminali per la ricostr…

Primo caso in Italia di r…

Incontinenza e Spending Review: …

L’appello di Fondazione i…

“Young Against Pain”: 30, giovan…

Roma, 27 Marzo 2014 – Rap…

Appendicite: antibiotici possono…

Dare antibiotici ai pazie…

Dal dolore alla cura: una questi…

Sabato 12 novembre Conveg…

Uova in gestazione, prevengono d…

L’assunzione di colina, l…

Medtronic presenta Carelink, per…

[caption id="attachment_1…

Ogni cervello ha un network, ogn…

Per evitare ingorghi e st…

Ecco come la fotostatina miglior…

[caption id="attachment…

«
»
  • 1.4k
  • 155
  • 0
  • 9
  • 0
  • 0
  • 0
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Scoperto il gene-guida che mantiene equilibrio e udito anche quando dormiamo

Roma, 15 dic. – Per alzarci in piena notte e andare in bagno senza urtare contro porte e mobili dobbiamo ricorrere a un’attivita’ cerebrale in parte conscia e in parte inconscia, che richiede l’attivita’ cruciale di un singolo gene ‘maestro’.

cells2 300x232 Scoperto il gene guida che mantiene equilibrio e udito anche quando dormiamo

Una sorta di navigatore satellitare interno, che controlla varie parti delle reti neurali necessarie per udito, equilibrio e localizzazione inconscia della propria posizione nello spazio (capacita’ propriocettiva). A scoprirne il ruolo sono i ricercatori americani del Baylor College of Medicine, autori di uno studio pubblicato su ‘Pnas’. Secondo il team, diretto da Huda Zoghbi, il super-navigatore controlla anche l’interocezione, la percezione spesso inconscia di moltissime informazioni provenienti dall’organismo stesso.

E’ il caso, appunto, di chi si sveglia nel cuore della notte per fare pipi’, perche’ ‘sa’ di avere la vescica piena. Al centro di tutto, spiegano i ricercatori, c’e’ il gene master Math1 (noto anche come Atoh1). Questo ‘pezzetto’ del Dna si e’ rivelato una sorta di centralina per i geni che controllano varie parti delle reti neurali necessarie, appunto, per equilibrio, udito, propriocezione e interocezione. “Ci ha sorpreso” scoprire il ruolo di Math1, spiega Zoghbi, che dirige anche il Duncan Neurological Institute del Texas Children’s Hospital. “Sapevamo che Math1 era importante per l’udito e la propriocezione. Ora pero’ sappiamo che questo gene e’ alla base della conoscenza di dove siamo rispetto all’ambiente” e ci permette di sapere “come muoverci con sicurezza, in modo automatico”. La scoperta dimostra un legame genetico, dello sviluppo e funzionale tra i diversi sistemi sensori che governano una serie di funzioni consce e inconsce, come appunto propriocezione, interocezione, udito, equilibrio e risveglio, spiega Kaashif Ahmad, neonatologo dell’ateneo.

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: