Sette sono le ore per un sonno p…

[caption id="attachment_8…

Urologia: utilizzo delle cellule…

La Fondazione italiana co…

Genoma: nuovo metodo per monitor…

Un team di ricercator…

ESMO 2012 - "CA polmonare: benef…

  Afatinib*: beneficio s…

La proteina p53 ha un ruolo impo…

[caption id="attachment_5…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Neuroprotesi che rende "palpabil…

Una schiera di elettrodi …

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Trapianto di fegato: un modello …

Ricercatori dell'universi…

Anche il sangue ha una scadenza

Anche il sangue scade, co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumore al polmone: dopo il fumo attivo e passivo, il gas Radon. Conosciamolo

La ‘Relazione sullo stato sanitario dell’Italia 2007-2008’ conferma che l’esposizione domestica al radon ( gas radioattivo pesante sprigionato dal terreno) causa circa il 9% delle morti per tumore del polmone.

In alcune regioni italiane, poi, il radon è più concentrato che altrove, in particolare in Lombardia, nel Lazio, in Campania e in Friuli.

“La principale fonte di questo gas risulta essere il terreno, dal quale fuoriesce e si disperde nell’ambiente, accumulandosi in locali chiusi ove diventa pericoloso. Pertanto costituisce la seconda causa nota di morte per tumore al polmone dopo il fumo attivo. Un dato a cui si dà poca importanza in quanto dovuto ad un fatto naturale e quindi non imputabile all’uomo.” Mette in evidenza il prof.Umberto Tirelli Direttore Dipartimento di Oncologia Medica dell’Istituto Nazionale Tumori di Aviano .

Occorre quindi controllare con strumenti idonei la concentrazione di radon nelle abitazioni e prevenire l’esposizione a questo gas cancerogeno soprattutto nei pianterreno degli edifici, in particolare quelli scolastici, ed arieggiare sempre le abitazioni più esposte.

Un suggerimento che d’altra parte ci davano sempre le nostre nonne. I casi di morte per cancro polmonare attribuibili al radon in Italia sono circa 3mila all’anno (da 1.000 a 5.500: circa il 2% del totale delle vittime annuali del cancro), la maggior parte dei quali tra i fumatori, a causa degli effetti sinergici radon-fumo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: