Test diagnostici radioattivi: in…

[caption id="attachment_8…

Retacrit™ sarà la prima epoetina…

Retacrit™ ha ottenut…

Botanica: studiato l'oscuro mecc…

Secondo un nuovo studio p…

Dove va la Legge 38: a cinque an…

Milano, 20 marzo 2015 - “…

SARS: nuovo ceppo vede lo..zampi…

Il coronavirus della nu…

Fibrina e cicatrizzazione

Nel corso della ri…

Con un bacio fino a 80 milioni d…

Con un bacio di circa 10 …

Cardiologia: nuovo test sui bimb…

I bambini che riferiscono…

Il modello Campania, su base naz…

La nuova Legge regionale …

Depressione: a tavola si combatt…

Il 'mal di vivere'? Si c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori al cervello: nuovo metodo radio-chemio per ridurre rischi collaterali

radioterapia classica

CAMPOBASSO, 21 DIC – Colpire piu’ duramente i tumori cerebrali con la radioterapia e la chemioterapia senza aumentare gli effetti collaterali, grazie ad un metodo ad altissima precisione.


E’ il risultato di una ricerca condotta congiuntamente dall’Universita’ Cattolica di Campobasso e dall’Istituto Neurologico Mediterraneo (Neuromed) di Pozzilli (Isernia) che dimostra che e’ sicuro aumentare le dosi di radiazioni nei pazienti operati, associando al trattamento radioterapico la chemioterapia con ”Temozolomide”, contro una delle piu’ aggressive forme di cancro del cervello. Dalla collaborazione tra le due strutture molisane e’ nata una sperimentazione su pazienti operati per una particolare forma di tumore cerebrale. Questa sperimentazione ha riguardato la possibilita’ di aggredire con maggiore energia queste patologie senza aumentare il rischio di danni ai tessuti circostanti.

La ricerca e’ stata pubblicata sull”’International Journal of Radiation Oncology, Biology, Physics”, la rivista scientifica leader della radioterapia mondiale.(ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: