Poliomielite: serve un vaccino n…

La battaglia contro la po…

Abbronzatura: una microcapsula p…

Un nuovo metodo basato su…

Cancro: il caso più antico mai t…

Scoperto il più antico ca…

Ricercatori europei sono riuscit…

Un team di ricercatori is…

Gli oncologi si pronunciano circ…

Mirtilli e melanzane anti…

Retinoblastoma: arriva nuova cur…

[caption id="attachment_1…

Come la ris. magnetica puo' esse…

[caption id="attachme…

Obesita’, una patologia ad alto …

Associazione di Iniziativ…

Come i batteri marini conformano…

I microrganismi marini et…

Leucemia in fase avanzata: nuovo…

In occasione di uno de…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un amminoacido per la rigenerazione dello smalto dentario

Struttura dente

Struttura dente

Sembra che la ripetizione di catene lunghe di un aminoacido, renda lo smalto dei denti piu’ forte e in grado di far fronte a microlesioni.

I denti sono un bene prezioso che però è soggetto a ogni sorta di attacchi; dai cibi dolci a quelli acidi, dal fumo e dall’alcol e anche dalle sostanze chimiche presenti nell’aria.
Spesso così ci si ritrova ad avere i denti danneggiati nello smalto, che è poi l’anticamera della carie o di altri problemi.
Un aiuto pare possa arrivare da un semplice aminoacido delle proteine che si trovano proprio nello smalto e che potrebbe aiutare a ripararlo e rendere più forti e sani i denti stessi.

È quanto affermato da un nuovo studio ad opera dei ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago i quali hanno scoperto che la ripetizione di prolina – uno tra i 20 amminoacidi ordinari – influisce sullo smalto dei denti. E cioè, quando questa ripetizione è breve o, meglio, quando la catena è corta mancano i prismi che influiscono sulla resistenza dello smalto. Mentre, al contrario, quando questa ripetizione è lunga i gruppi di molecole aiutano i cristalli di smalto a crescere e moltiplicarsi.
«La ripetizione della prolina è sorprendente» ha dichiarato il prof. Tom Diekwisch che ha coordinato lo studio «Loro detengono la chiave per comprendere la struttura e la funzione di molte proteine naturali, comprese le mucine, le proteine antigelo, gli amiloidi dell’Alzheimer e le proteine prioniche» ha poi aggiunto.


Questa scoperta, secondo le aspettative dei ricercatori, aprirà le porte a nuovi trattamenti per proteggere e riparare lo smalto dei denti, ma sarà d’aiuto anche in molti altri settori della ricerca scientifica, compresi quelli delle malattie neurodegenerative.

Source: Amelogenin: a Protein to Smile About.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: