Fecondazione: Chianciano innovat…

In Italia oltre 45.000 n…

Melanoma: incidenza di recidive …

Studio italiano scopre un…

Pediculosi, una storia infinita …

Ancora tanti i pregiudi…

Fibrillazione atriale: in aument…

Domani si celebra la terz…

Rischio infarto: si riduce del 2…

Camminare velocemente, qu…

Glaucoma acuto: è una malattia i…

Il glaucoma acuto e' in g…

Nuovo metodo per ottenere cellul…

Possibile rivoluzione nel…

Emofilia B: risultati dello stud…

SOBI (Swedish Orphan Bi…

Autunno: acido folico nelle donn…

Piatti ricchi di acido fo…

Tassi di mutazione genetica: com…

Dallo studio esce ridimen…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un apparecchio che percepisce suono dai denti – la ‘conduzione ossea’ che ci fa sentire la nostra voce

l'apparechio descritto nell'articoloI sordi potrebbero presto essere in grado di percepire le vibrazioni sonore grazie a impianti installati nei loro denti. Un sistema simile a quello usato da Beethoven che, per superare la sua sordita’, attaccava un bastone al suo pianoforte e lo stringeva tra i denti per percepire le vibrazioni delle note musicali. Ora i ricercatori americani della Sonitus Medical di San Mateo, California, hanno sviluppato un nuovo apparecchio che sfrutta un simile principio, e che potrebbe aiutare chi soffre di sordita’ unilaterale.

“In questo tipo di sordita’ e’ solo un orecchio a essere sordo, mentre l’altro funziona correttamente”, hanno spiegato i ricercatori della Sonitus, che hanno descritto il loro apparecchio sulla rivista Otology and Neurotology. “Questa condizione e’ presente in milioni di persone. Rende difficile cogliere l’esatta sorgente del suono e ascoltare in situazioni rumorose, e rende pericolose alcune attivita’, come ad esempio attraversare la strada”. Per restituire parte della funzionalita’ all’orecchio malato, i ricercatori hanno installato al suo interno un microfono che capta i suoni e li invia a un piccolo apparecchio avvolto intorno ai denti. Da qui, i suoni vengono trasformati in vibrazioni che viaggiano attraverso l’osso della mandibola, fino ad arrivare all’orecchio funzionante. “Lo stesso sistema di conduzione ossea del suoni ci permette di ascoltare la nostra stessa voce. Il suono viene percepito in stereofonia”, hanno spiegato i ricercatori. “Esperimenti hanno confermato che questo sistema non danneggia i denti, e migliora le capacita’ auditive e la comprensione delle sorgenti sonore”. L’apparecchio, votato dalla Cleveland Clinic in Ohio tra le migliori innovazioni mediche del 2010, ed e’ in attesa dell’approvazione della US Food e Drug Administration.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: