Precursori dei neuroni da cellul…

Sviluppato un nuovo metod…

Epidemie di allergie su cui sta …

Sei allergico ad alcuni a…

Il ruolo delle cellule staminali…

Un team europeo di scienz…

Da Farmindustria cifre fantasios…

Il calo delle specialità …

Botox: negli USA viene approvato…

La Food and Drug Administ…

Cure anticancro che espongono a …

Vari farmaci chemioterapi…

"Live Case Transmission" tra Aba…

Il collegamento in dire…

Stress ossidativo: Telethon svel…

Dalla ricerca Telethon su…

Vaccino veicolato da bioimpianto…

...anche se la sensaziona…

La lunga vita delle piante rispe…

Le piante vivono piu' a l…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tecnica italiana laparoscopica per il prolasso utero-genitale

POPS 233x300 Tecnica italiana laparoscopica per il prolasso utero genitale

Roma, 15 feb – Interessa 5 milioni di donne solo in Italia, ma spesso non viene diagnosticato in tutte le sue forme. Al prolasso utero-genitale puo’ infatti associarsi la discesa del retto, curabile con una nuova tecnica chirurgica unica per evitare recidive, ma anche stipsi, incontinenza e contraccolpi sulla sfera sessuale.

La nuova procedura, si chiama POPS, Pelvic Organ Prolapse Suspension, e’ stata messa a punto da Antonio Longo, direttore del Centro del Pavimento Pelvico dell’Ospedale St. Elizabeth di Vienna. La POPS prevede l’inserimento di una benda di sospensione a livello sottoperitoneale con un approccio laparoscopico (tre piccoli fori di accesso di meno di un centimetro ciascuno). ”In pratica questa benda viene ancorata alla vagina e fissata ai muscoli laterali dell’addome – spiega Longo -. In questo modo l’utero viene quasi sempre conservato e riposizionato in alto, nella sua sede anatomica, cosi’ puo’ continuare a svolgere la funzione fisiologica di barriera tra retto e vescica, evitando l’espansione della stessa vescica e la compressione del retto che danno luogo all’incontinenza urinaria ed a gravi forme di stipsi.

Al tempo stesso la conservazione dell’utero evita tutti i disturbi psicologici della sfera sessuale che si verificano in caso di asportazione dell’organo. ”In questo modo con un unico intervento – continua lo specialista – e’ possibile risolvere contemporaneamente gli scivolamenti verso il basso di tutti gli organi del bacino”. Il parto, i disturbi alimentari come anoressia e bulimia, ma anche la tosse cronica giocano un ruolo chiave. Le terapie attuali si concentrano sul prolasso uterino, ben visibile, e spesso – una volta su tre – il disturo ricompare luogo a recidive, e che trascuravano le altre due patologie associate, che procurano incontinenza e stipsi.

La durata della POPS e’ di 40-45 minuti, la degenza di 2-3 giorni e la convalescenza praticamente nulla. I risultati su una casistica operatoria di 400 casi eseguiti dal 2000 al 2009, con un controllo a distanza fino a 8 anni, hanno fatto registrare recidive in media del 2%, con successi nel 98% dei casi, a fronte del 66% delle procedure tradizionali (recidive al 33%).

Per informazioni sui centri pubblici in cui si esegue l’intervento si puo’ telefonare al numero verde 800.77.66.62
logo Tecnica italiana laparoscopica per il prolasso utero genitale

Alimentazione

Limite p…

03 apr 2014 alimentazione Salvo Franchina No comments

Un nuovo studio pubb…

Metastas…

30 mar 2014 alimentazione Salvo Franchina No comments

Le pesche inibiscon…

Cibi fri…

19 mar 2014 alimentazione Salvo Franchina No comments

Fritti 'killer' per…

Alimenta…

14 mar 2014 alimentazione Salvo Franchina No comments

Si combatte a tavola…

Archivi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: