Neuroni specializzati nella dist…

Alcune ricerche condotte…

Ipertensione: cellule manipolate…

[caption id="attachme…

Vendita sigarette elettroniche: …

L'efficacia delle sigaret…

EFIC-GRÜNENTHAL GRANT 2012 a so…

Aperte le iscrizioni su…

Chip terapeutici, che si dissolv…

Costruiti con componenti …

I neuroni prediligono i volti 'p…

Data l'importanza del ric…

Un singolo test del sangue per i…

Scienziati creano un nuov…

Malattie muscolari ereditarie: i…

Le cellule muscolari sche…

"Cuore Matto" per due calciatori…

(Adnkronos Salute) - Cont…

Fumo in gravidanza: mina la futu…

Esporre il feto al fu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AIDS: Nuovo metodo per combattere l’infezione, indurre cellule infettate al ‘suicidio’

Washington, 19 ago. – Una nuova via per combattere il virus Hiv potrebbe essere quella di far ‘andare nel panico’ le cellule umane infettate inducendole a ‘suicidarsi’. A studiare questo approccio sono i ricercatori della Hebrew University di Gerusalemme, che hanno descritto i primi risultati sulla rivista AIDS Research and Therapy.


Le terapie che si usano oggi contro l’Hiv, spiegano i ricercatori, non eliminano il virus dall’organismo, ma si limitano a impedirne la replicazione allontanando il momento in cui si sviluppa l’Aids. Con il metodo sviluppato dall’universita’ israeliana invece le cellule che vengono infettate dal virus vengono indotte all’apoptosi, cioe’ la morte spontanea, eliminando l’infezione. Per far si’ che questo avvenga e’ stata sviluppata una serie di piccole proteine che entrano nelle cellule infettate e stimolano una maggiore integrazione fra il Dna di queste e quello del virus, un processo che fa ‘impazzire’ la cellula e innesca l’apoptosi.
“Per il momento il metodo e’ stato testato solo in laboratorio – spiega Abraham Loyter, uno dei ricercatori – ma i primi risultati sono veramente promettenti”. (AGI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: