Bullismo infantile: ripercussion…

Gli effetti negativi del …

Piccole molecole riproducono com…

[caption id="attachment_7…

Scoperto un nuovo meccanismo gen…

[caption id="attachment_2…

HIV: protocollo terapeutico in g…

La combinazione di farm…

PMA a KM 0: il ruolo del ‘medico…

Gli esperti riuniti a Cat…

Studio sulle fasi di inizio elab…

[caption id="attachment_6…

Omeopatia: le potenzialità antit…

Uno studio mostra che i f…

Al Tatarella di Cerignola innova…

L’urologia del Tatarella …

Ricerca italiana sull'ipertensio…

[caption id="attachment_2…

Scienziati spiegano gli stati d'…

Risulta facile dimenticar…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il talamo silenzia i rumori e favorisce sonni pesanti

Le persone che dormono anche in presenza di forti rumori di fondo ci riescono grazie al talamo, una parte del cervello che riesce a ‘spegnere’ i rumori esterni. Lo afferma uno studio pubblicato da ‘Current Biology’, secondo cui sara’ possibile un giorno ‘potenziare’ questo sistema negli sfortunati che non lo possiedono. Lo studio ha coinvolto 12 volontari, monitorati durante il sonno con un elettroencefalografo per tre notti.

La prima era una notte silenziosa, mentre le altre due erano disturbate dal suono di un telefono, da rumori del traffico e dal bip di un dispositivo medico. I ricercatori hanno notato che le persone che avevano onde molto alte in una zona precisa del tracciato erano quelle meno disturbate dai rumori. Le onde sono state associate all’attivita’ del talamo, che sembra riuscire a ‘spegnere’ gli stimoli esterni durante il sonno. “Lo studio dimostra che queste onde possono essere usate come biomarker per predire la qualita’ del sonno di una persona”, scrivono gli autori, dell’universita’ di Harvard, dicendosi sicuri che “in futuro si trovera’ un modo per sfruttare questa scoperta e aumentare l’attivita’ del talamo nei soggetti ‘meno fortunati’ e dal sonno leggero”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: