Lesioni muscolari: individuati g…

Un nuovo studio effettuat…

Tempi di reazione lenti associat…

Avere tempi di reazione l…

Trichinosi: sequenziato il genom…

Il genoma del nematode pa…

DNA: altre linee di informazione…

Le ridondanze che si osse…

Il Mese Europeo del cervello: pr…

Per celebrare il Mese e…

Tumori: creato prototipo TAC dei…

Realizzato un nuovo proto…

Obesità: a Milano la soluzione c…

Presso l’IRCCS Multimedic…

La musica del cuore che fa bene …

Una ricerca dell'Univ…

Paradontiti curate con cellule s…

Denti a rischio caduta pe…

Il gruppo sanguigno "A" più espo…

La suscettibilita' alle i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La leptina a capo di meccanismi come apprendimento, memoria, appetito

La leptina, l’ormone rilasciato dalle cellule adipose, è in grado di attivare l’ippocampo, l’area del cervello che controlla l’apprendimento e la memoria, controllando la sensazione della fame. L’ormone potrebbe dunque essere utilizzato come principio attivo contro l’obesità: a sostenerlo sono i ricercatori della University of Pennsylvania che hanno presentato la scoperta nel corso del Meeting Annuale della Society for the Study of Ingestive Behavior (SSIB) tenutosi a Pittsburgh.

Nel loro studio i ricercatori hanno somministrato la leptina a un gruppo di ratti, constatando che gli animaletti consumavano così meno cibo e riuscivano a perdere peso corporeo. Un risultato che mette in evidenza la possibilità di effettuare ricerche per comprendere il ruolo dei processi cognitivi nei meccanismi di assunzione di cibo e di controllo del peso corporeo. “L’alimentazione è un comportamento complesso che non sempre è guidato dalla fame o dalla necessità – spiega Scott Kanoski, autore dello studio -. Il nostro programma di ricerca è volto a capire come l’apprendimento e la memoria contribuiscano a un’eccessiva assunzione di cibo e, quindi, a dar vita all’obesità”.

Quando le riserve di grasso sono abbondanti, gli esseri umani e gli animali possono essere meno concentrati sull’apprendimento di strategie per il reperimento del cibo. Secondo Kanoski questo studio suggerisce che il cervello riceve i segnali sulle riserve di grasso corporeo e sullo stato dell’energia immagazzinata nel corpo, “e questi segnali a loro volta influenzano l’interpretazione degli stimoli ambientali che riguardano il cibo. Quando la segnalazione della leptina è compromessa, cosa che accade comunemente nelle persone obese, i processi cognitivi che normalmente avrebbero aiutato a inibire o ridurre l’assunzione di cibo possono risultare compromessi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: