Cancro alla prostata: un virus '…

[caption id="attachment_6…

Raro tumore operato su bimbo di …

Gli esperti: “E’ un int…

Cancro al seno: bloccando i rece…

Bloccando un recettor…

Dal 19 luglio inizia sulla RAI c…

Il prossimo martedi' 19 l…

Proteine a colazione è salute

Una colazione con piu' ri…

Cancro all'utero individuato da …

[caption id="attachment_1…

Presentati i risultati dello stu…

[caption id="attachment_4…

Contraccezione al maschile con i…

'Bombardare' con gli ultr…

Premi per la ricerca SIF-AssoGen…

Roma, 15 ottobre 2014. So…

Tumori: la caffeina alleata dell…

Le creme solari del futur…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’olfatto risulta compromesso dalla depressione

I malati hanno bulbi olfattivi del 15% più piccoli rispetto alle persone sane. Lo studio può aprire nuove strade

La depressione danneggia l’olfatto. Il perché è spiegato da un gruppo di ricercatori dell’università tedesca di Dresda sulla rivista Neuroscience. In passato gli studiosi avevano notato che il “male di vivere”, così come la schizofrenia e i disturbi affettivi, sono in grado di alterare la capacità di captare odori e profumi.


Con il nuovo studio hanno cercato di capire in che modo questo avvenga: hanno arruolato 21 pazienti con depressione e 21 volontari sani, esponendoli a sostanze progressivamente sempre più profumate. Contemporaneamente sono stati studiati i bulbi olfattivi dei partecipanti, una specifica parte del cervello che garantisce l’efficienza del nostro naso, utilizzando la risonanza magnetica. Dalle analisi è emerso che le persone depresse hanno bulbi olfattivi del 15% più piccoli rispetto alle persone sane, che sono dunque in grado di captare gli odori molto prima rispetto ai malati.

NUOVE STRADE – Secondo gli esperti, il volume del bulbo olfattivo e la depressione sono due elementi collegati nella neurogenesi, cioè il processo di nascita di nuovi neuroni. È noto che il “male di vivere” inibisce questo meccanismo nel cervello, soprattutto a livello dell’ippocampo, e spesso le persone depresse hanno nel sangue livelli minori di una sostanza chimica che promuove la neurogenesi. Lo studio tedesco apre nuove strade da percorrere anche per curare la depressione: il volume del bulbo olfattivo potrebbe essere infatti usato come metro di misurazione dell’efficacia di una terapia. (Fonte: Adnkronos)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: