Sanita': 'Save the Skin', asta o…

Si chiama "Save the Skin"…

L'evoluzione della dieta nell'uo…

Alcune tracce di Dna di b…

Cancro: individuarlo sfruttando …

Il cancro potrebbe esse…

Diabete: ripercussioni sullo sta…

L'eta' in cui si svilupp…

Elasticità muscolare: scoperta l…

Un team di ricercatori d…

Tigem, ecco lo «spazzino» contro…

[caption id="attachment_1…

Fibrillazione atriale: scoperto …

[caption id="attachment_6…

Olio di pesce contro il cancro a…

L'olio di pesce potrebbe …

Gardasil® 9, il nuovo vaccino an…

Il Comitato Europeo per i…

Malaria: passi in avanti verso i…

Un gruppo di ricercatori …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Micro-intervento per ridurre al minimo i sintomi della rinite allergica

Il Journal of Rhinology, la rivista scientifica piu’ autorevole del settore otorinolaringoiatrico, nel suo ultimo numero ha ratificato il protocollo micro-operatorio di un chirurgo italiano, Lino Di Rienzo Businco. Tale metodica prevede il trattamento dell’ipertrofia dei turbinati nella rinite allergica nel totale rispetto della mucosa nasale, senza traumi e sanguinamenti, e consente la riduzione dei sintomi allergici nasali, cosi’ invalidanti della qualita’ della vita dei pazienti allergopatici. Il protocollo messo a punto da Di Rienzo Businco ha estremizzato il concetto della micro-invasivita’ dell’endoscopia operativa a radiofrequenze al plasma si e’ dimostrato efficace nel migliorare la respirazione su una grande serie di pazienti affetti da rinite allergica verso la polvere, le graminacee e la parietaria. La causa piu’ frequente della difficolta’ respiratoria e’ rappresentata dall’ipertrofia dei turbinati.

I turbinati non sono una patologia o un nemico da combattere che e’ cresciuto nel nostro naso: i turbinati (ne abbiamo tre in ciascuna fossa nasale) sono preziose strutture osteo-mucose in grado di riscaldare, umidificare, filtrare e condizionare l’aria che respiriamo. Quindi da preservare e trattare col massimo rispetto.In Europa e negli Stati Uniti la patologia allergica con ostruzione nasale e’ arrivata a colpire sino al 25 per cento della popolazione, ed e’ previsto che raggiunga, nei prossimi 10 anni, il picco epidemico del 50 per cento specie nelle aree cittadine ed industrializzate, a motivo delle allergie, degli agenti inquinanti ed irritanti che respiriamo nella vita quotidiana: gas, prodotti della combustione dei motori, smog. Anche negli uffici spesso si sviluppa reattivita’ nasale verso agenti provenienti dai climatizzatori, dagli arredi o dalle vernici e dai materiali delle pareti e pavimenti (rinite vasomotoria). In passato i turbinati venivano bruciati o tagliati con forbici e bisturi. Una soluzione radicale che privava il paziente di un apparato importante. Seguendo la procedura messa a punto da Di Rienzo Businco l’energia delle radiofrequenze e’ in grado di “sgonfiare” il turbinato ingrossato senza traumi e senza dolore in un tempo inferiore al minuto. Sono pertanto trattamenti veloci eseguiti in regime di day-surgery. Niente tagli, niente suture, niente sanguinamento, niente danni ai tessuti sani o ricorso ai famigerati tamponi nasali. Si potra’ tornare alle attivita’ produttive dopo poche ore, riducendo dolore, farmaci e costi, sia per il paziente che per il servizio sanitario nazionale. A differenza delle precedenti tecnologie a radiofrequenze, oggi e’ sufficiente una singola applicazione per risolvere il problema in modo radicale e definitivo in adulti e bambini e si e’ anche in grado di ricostruire i turbinati “rovinati” da interventi chirurgici precedenti. E’ la prima tecnica chirurgica miniinvasiva in grado di curare l’allergia, allergia che e’ sempre stata tradizionalmente intesa come una malattia a terapia eminentemente medica. Questi importanti risultati sottolineano l’importanza e la necessita’ di un approccio integrato multidisciplinare otorino-allergologo alle sindromi ostruttive nasali allergiche, inserendo sempre da oggi questa possibilita’ nel bagaglio terapeutico delle riniti allergiche.

3 comments

  1. Pingback: Micro-intervento per ridurre al minimo i sintomi della rinite …

  2. De Vincenzis Graziano

    Dove è possibile effettuare questo intervento? Abito in prov. di Matera. E’ coperto anche dal SSN? Grazie_

  3. Francesco Paolo Ruggieri

    mahh ….quando la medicina ufficiale ignora del tutto le PROPRIETA’ E relative cure naturali, semplici e, dai risultati evidentissimi : il tutto, poi, l’ho verificato con insufflazione di olio di oliva nelle singole narici, sdraiato sul letto, fino a sentirlo in gola sia a Dx che a Sx , tramite cotton fiocc ispessito da ovatta e, lo stesso, poi lasciato alternativamente, in narice , con risultato che, dopo 15gg circa ho notato il relativo ispessimento delle narici ! e poi, risultato ottimo per raffreddore e, uno due mesi prima, ottimo per chi soffre di Allergia da polline e/o Rinite ! e , dopo sei mesi, ottimo per sinusite infiammazione ai seni paranasali ! La spiegazione empirica semplice e logica si ha con semplice e logico ragionamento evidenza : l’Allergia si verifica per eccesso di sangue sull’epitelio interno narice, peggiorato da continui starnuti e quindi, il polline o polvere, inspirati a mò di proiettile, quando entrano in narice con sangue a livello epitelio narice, invece di fare il suo normale percorso, gola stomaco ove viene annullato_attenuato al massimo, schunta questa strada, perché urtando la narice_sangue, determina la crisi violenta di ALLERGIA !! MENTRE, nel tempo, con insufflazione di olio nelle narici, come sopra descritto, trova una patina di olio che in primis, tende a ridurre il tutto, dopo circa 15gg, e poi, disinfiammando e ispessendo la narice, il sangue viene meno in periferia interno narice e la polvere e/o Polline, riprende il suo normale percorso, riducendo eliminando lo scatenamento violento e, nel tempo lungo, la relativa allergia !! in modo particolare se il tutto eseguito a monte della diffusione polline ! almeno minimo 30gg prima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: