Euromelanoma Day 2011: lunedi' 1…

Le donne sopravvivono meg…

Cancro: combinazione di un farma…

La combinazione di farmac…

H5N1: pubblicato lo studio che h…

Modificando geneticamente…

Danni da smog alle vie respirato…

Il risultato dello studio…

AIDS: robiotici e antivirali per…

Somministrare probiotici …

Anoressia: avanzano nuove ipotes…

Dal lavoro scientifico di…

SLA: individuata possibile causa…

Individuata la causa del…

Telemonitoraggio dei dispositivi…

Da un'indagine compiuta p…

I polifenoli del luppolo aiutano…

Il luppolo, noto per esse…

Ricerca medica avanzata in linea…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un rivestimento per attrezzature chirurgiche contro il batterio MRSA

Staphylococcus aureus

Ricercatori del Rensselaer Polytechnic Institute (Usa) hanno creato un rivestimento per attrezzature chirurgiche, pareti di ospedali e altre superfici, che annienta lo Stafilococco aureo resistente alla meticillina (Mrsa), un ‘superbatterio’ responsabile di infezioni resistenti agli antibiotici. Il materiale in questione unisce nanotubi di carbonio con lisostafina, un enzima presente in natura utilizzato dai ceppi non patogeni di Stafilococco per difendersi dallo Stafilococco aureo, incluso quello resistente alla meticillina.

Come riporta ‘ACS Nano’, la rivista dell’American Chemical Society, durante i test di sperimentazione il rivestimento si e’ mostrato in grado di ‘catturare’ il Mrsa e di ucciderlo, dando risultati positivi nel 100% dei casi in soli 20 minuti. “Abbiamo creato un agente molto selettivo – spiegano gli inventori del super-rivestimento – che puo’ essere utilizzato in diversi ambienti: pareti, strumenti medici, maniglie delle porte, maschere chirurgiche. E’ attivo e stabile, pronto in qualunque momento”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: