Sette sono le ore per un sonno p…

[caption id="attachment_8…

Urologia: utilizzo delle cellule…

La Fondazione italiana co…

Genoma: nuovo metodo per monitor…

Un team di ricercator…

ESMO 2012 - "CA polmonare: benef…

  Afatinib*: beneficio s…

La proteina p53 ha un ruolo impo…

[caption id="attachment_5…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Neuroprotesi che rende "palpabil…

Una schiera di elettrodi …

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Trapianto di fegato: un modello …

Ricercatori dell'universi…

Anche il sangue ha una scadenza

Anche il sangue scade, co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

29 ottobre 2010: giornata mondiale contro l’Ictus cerebrale

Roma, 28 ottobre 2010 – “One in Six” è la parola d’ordine, coniata dalla World Stroke Organization, della VIGiornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale, che si svolgerà in tutto il mondo il 29 ottobre.


“One in Six”:  1 persona ogni 6 secondi,nel mondo,indipendentemente dall’età o dal sesso, viene colpita da ictus. In Italia, ogni giorno, l’ictus colpisce circa 660 persone. “One in Six” racchiude i concetti chiave della campagna mondiale: la persona colpita potresti essere tu – previeni l’ictus, riconosci i suoi sintomi, assicurati di ricevere le cure appropriate.

“Ciò che emerge nella popolazione, purtroppo, è la scarsa conoscenza di cosa sia un ictus, come si manifesti e quanto sia importante il ricovero in ospedale il prima possibile – afferma la professoressa Maria Luisa Sacchetti Presidente della FederazioneA.L.I.Ce. Italia Onlus e neurologa vascolare presso l’Azienda Ospedaliera del Policlinico Umberto I di Roma. E’ dunque fondamentale realizzare campagne informative, che coinvolgano anche le fasce più giovani della popolazione, che veicolino le informazioni sull’ictus nella maniera più corretta, mettendo le persone in grado di gestire questo aspetto della propria salute senza inutili allarmismi, ma anche con la necessaria serietà”.

In occasione della Giornata Mondiale contro l’Ictus Cerebrale, A.L.I.Ce. Italia Onlus presenta i primi risultati dell’indagine condotta sulla conoscenza dell’ictus ed i costi che gravano sui malati di ictus cerebrale, realizzata da A.L.I.Ce. Italia Onlus in collaborazione con il Censis e l’Università degli Studi di Firenze, all’interno del progetto “Promozione dell’assistenza all’Ictus Cerebrale in Italia” finanziato dal CCM – Ministero della Salute. L’indagine è stata condotta per quantificare i costi che devono sostenere le famiglie in cui vive una persona con disabilità legata all’ictus ed ha analizzato i bisogni di assistenza e supporto delle persone colpite da questa malattia, insieme con i costi che vengono sostenuti dalle famiglie dei pazienti.


Sono stati intervistati circa 600 familiari di pazienti con disabilità legata all’ictus, residenti su tutto il territorio nazionale.Inoltre, su un campione di circa 1000 persone – rappresentative della popolazione italiana – sono state eseguite interviste telefoniche sul grado di conoscenza dell’ictus cerebrale, dei sintomi d’esordio, delle sue cause, delle sue conseguenze e delle cure attualmente disponibili.

L’indagine Censis ha messo in luce come l’ictus rimanga ancora, per moltissimi italiani e in particolare per i più anziani, una patologia quasi sconosciuta: il 77,0% pensa di sapere cos’è, ma tra loro è solo il 55,8% ad identificarlo correttamente come una malattia del cervello, mentre il 14,2% ritiene che sia un tipo di infarto cardiaco, e l’11,6% lo considera una malattia del sangue. I sintomi specifici dell’ictus vengono identificati con maggior precisione, ed è infatti il 68,7% a indicare l’improvvisa paralisi di un lato del corpo come uno di essi, mentre il 58,8% fa riferimento all’improvvisa difficoltà a parlare o a comprendere quello che ci viene detto, ma solo l’11,0% riconosce nel problema di vista o cecità improvvisa un sintomo dell’ictus. “E’ però soprattutto la mancata conoscenza dell’importanza enorme che possono avere l’instaurazione tempestiva della trombolisi (il 26,2% sa cos’è) e l’invio ad una stroke unit (è appena il 15,0% a sapere di cosa si tratta) a costituire un dato preoccupante – dichiara la Dottoressa Ketty Vaccaro, Responsabile Welfare e Salute del Censis – dal momento che si tratta di misure terapeutiche che possono ridurre in modo decisivo i danni dell’ictus”.

Per quanto riguarda lo studio condotto sui pazienti grazie alla mobilitazione sul territorio di A.L.I.Ce. Italia Onlus, i dati hanno messo in luce soprattutto come il carico assistenziale ricada soprattutto sulle famiglie: i caregiver (i parenti prossimi che si occupano dei pazienti, per la maggior parte la moglie o una figlia) convivono con i pazienti nel 66,2% dei casi, comunque li vedono per 6,6 giorni a settimana, e prestano mediamente loro 6,9 ore al giorno di assistenza diretta. “L’impatto dell’assistenza sulla loro vita – ribadisce la Vaccaro – è assolutamente dirompente: il 55,7% non ha più tempo libero e nel 77,8% dei casi indicano che la qualità della loro vita è peggiorata, o molto peggiorata, a causa dell’onere assistenziale. Il 72,1% si sente stanco, e uno su quattro (il 24,8%) soffre di depressione”. Il supporto principale all’assistenza giunge dalle badanti, cui ricorre il 38,7% delle famiglie, ma che comporta per esse una spesa assolutamente non irrilevante, pari in media a 830,30 € mensili.

Data la enorme incidenza della malattia, il grave handicap personale ed i costi così elevati per la società – ha sottolineato il Prof. Domenico Inzitari, Professore in Neurologia presso il Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatrice dell’Università di Firenze – il problema ictus meriterebbe di essere affrontato con più attenzione: nel nostro Paese non si fa prevenzione,  soltanto il 40 % delle persone colpite da ictus arriva in ospedale entro le prime 3 ore e, una volta dimessi dall’ospedale, i pazienti non sanno cosa fare perché non esiste un percorso di riabilitazione definitivo. La mancanza d’informazione fa sì che l’ictus abbia conseguenze più gravi di quelle che già comporta”.

Nel mondo, ogni anno, 15 milioni di persone sono colpite da ictus, di queste quasi 6 milioni muoiono. L’ictus èresponsabile di più morti ogni anno di quelli attribuiti all’Aids, tubercolosi e malaria messi insieme.L’ictus cerebrale costituisce la seconda causa di morte a livello mondiale e la terza causa di morte nei Paesi del G8, preceduto soltanto dalle malattie cardiovascolari e dai tumori. In Italia, e in tutto il mondo occidentale, l’ictus è causa del 10-12% di tutti i decessi per anno, rappresenta inoltre la prima causa d’invalidità e la seconda causa di demenza con perdita dell’autosufficienza. In Italia si verificano circa 200.000 ictus ogni anno e 660 casi al giorno . Per la sua elevata incidenza, l’ictus cerebrale rappresenta un problema assistenziale, riabilitativo e sociale di enormi dimensioni.

L’ictus però non è soltanto una malattia dell’anziano: dei 200.000 nuovi casi di ictus che si verificano ogni anno nel nostro Paese, circa 4.200 riguardano soggetti con età inferiore ai 45 anni. Alcuni dei fattori di rischio ictus quali ad esempio sesso, età ed ereditarietà non sono modificabili e quindi non dipendono dal comportamento dell’individuo, altri fattori come un’errata alimentazione, l’alterazione dei grassi nel sangue, il fumo ma anche l’abuso di alcool e droga possono danneggiare le arterie in giovane età, predisponendo l’individuo a possibili attacchi di ictus.

In occasione della Giornata Mondiale, le Associazioni A.L.I.Ce. regionali, con il supporto di molteplici strutture ospedaliere pubbliche, organizzano numero iniziative di sensibilizzazione e di informazione su questa patologiaper la prevenzione, il riconoscimento precoce dei sintomi e su cosa fare in caso di “attacco ictus”.

Tutte le informazioni sulle singole iniziative regionali previste in occasione della Giornata Mondiale sono inserite sul sito: www.aliceitalia.org
Ictus cerebrale.doc
ONE IN SIX 2010.doc
Sintesi dei risultati indagine.doc
VADEMECUM SINTOMI.doc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: