Tumori del pancreas: due diverse…

Per distinguere le cisti …

Dal Simposio “sPAIN in Italy”: c…

Oltre 500 esperti italian…

Depressione: il grado di gravità…

I modelli di discorso del…

Patologie umane: 28.000 varianti…

La conoscenza dell'esatta…

Nuovi risultati confermano le ev…

  I dati presentati al C…

Da un fungo la lotta contro zanz…

La lotta contro la malari…

Tumore: intervenire l'ipossia pe…

Un team di ricercatori de…

ICTUS: studi americani rivelano …

[caption id="attachment_7…

BPCO sono in aumento i casi in I…

"Come oramai ampiamente d…

[IIT ]Messa a punto nuova tecnic…

Sviluppata all’Istituto…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Crema contro rash cutaneo che si manifesta in pazienti in terapia

vitamina K1

Arriva in Italia una nuova crema a base di vitamina K1 efficace contro il rash cutaneo che puo’ manifestarsi nei tumori trattati con Cetuximab. Verra’ distribuita gratuitamente negli ospedali da Merck Serono in un kit di lancio composto da una borsa, contenente 3 tubi da 100 ml di crema. La novita’ e’ stata presentata questa mattina, alla terrazza Martini di Milano, da Merck Serono. Alla conferenza stampa hanno partecipato: Alberto Sobrero, primario di Oncologia medica dell’Ospedale San Martino di Genova; Carlo Barone, direttore UOC di Oncologia Medica – Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Roma; Carmine Pinto, responsabile tumori gastroenterici Oncologia Medica Azienda Ospedaliera Universitaria di Bologna – Policlinico Sant’Orsola Malpighi.

“Le nuove terapie mirate – spiega Barone – hanno migliorato notevolmente il trattamento di alcuni tipi di tumore. Tuttavia il loro meccanismo d’azione interferisce con la normale crescita delle cellule dell’epidermide, causando, nella maggior parte dei pazienti, la comparsa di un rash cutaneo”. E fino ad oggi, continua Barone, “non esistevano soluzioni efficaci per gestirlo”. Il rash cutaneo e’ un effetto collaterale che puo’ manifestarsi nei pazienti trattati con Cetuximab. Con l’uso topico della crema alla vitamina K1, applicata sulla parte interessata, e’ invece possibile riattivare il normale processo di crescita dell’epidermide, riducendo la frequenza e l’intensita’ del rash cutaneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: