La prima molecola sperimentale i…

La prima molecola sperime…

Anemia renale: SIN, terapia spec…

Il coinvolgimento del paz…

AIDS: trant'anni di lotta, ma c'…

Sono passati ormai quattr…

Chirurgia cardiaca: importante l…

[caption id="attachment_9…

Mutazioni genetiche numerosi se …

I padri piu' anziani tend…

Malattie respiratorie: gli antib…

La ricerca di un team int…

Tumori e alimentazione: le propr…

[caption id="attachment_5…

Merck lancia SPOT My TRIAL, prog…

L’iniziativa prevede …

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

una nuova emergenza pediatrica: …

Caserta, 15 settembre 201…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Descritti i geni legati alla psoriasi

E’ stata tracciata la mappa genetica della psoriasi, cioe’ grazie a un lavoro su scala mondiale con un ruolo importante per l’Italia, sono state scovate tantissime mutazioni genetiche legate alla malattia, con valore terapeutico enorme, perche’ aiuteranno a capire le basi di questa patologia nelle varie forme in cui si manifesta, portando a terapie sempre piu’ mirate e a strategie per ritardarne l’evoluzione verso forme piu’ gravi.

A dare l’annuncio per il ramo italiano ed europeo della mastodontica ricerca sono i genetisti di Tor Vergata Giuseppe Novelli ed Emiliano Giardina che hanno partecipato a due degli studi. ”E’ stato raggiunto un importantissimo risultato”, spiega Novelli, preside della Facolta’ di Medicina, che ”fa luce definitivamente sulla doppia natura, immunitaria ed epidermica, della malattia, scovando numerosi difetti nei gene della cute e del sistema immunitario”.

Inoltre il lavoro fa luce anche sui geni responsabili della forma piu’ grave di psoriasi, l’artrite psoriasica per la quale finora poco era noto dal punto di vista genetic. Secondo dati riportati online dalla ADISPO (Associazione per la difesa degli Psoriasici), la psoriasi colpisce piu’ di 100 milioni di persone nel mondo, circa 2,5 milioni in Italia. Si tratta di una malattia complessa, un disturbo auto-immune, cioe’ il sistema di difesa dell’organismo impazzisce attaccando la pelle. Cio’ causa la comparsa di macchie rossastre e squamose soprattutto su gomiti, ginocchia, cuoio capelluto e sulla parte inferiore della schiena, un problema che causa anche grave disagio psicologico.

L’artrite psoriasica e’ una forma gravissima di psoriasi (il 5-10% di tutti i casi), colpisce soprattutto mani e piedi con danni ossei ed articolari oltre che dermatologici. Adesso ricercatori di tutto il mondo si sono uniti per scovare tutti i misteri genetici di questa malattia e il lavoro, producendo ben cinque lavori indipendenti e altrettante pubblicazioni sulla rivista Nature Genetics. Il principio guida di tutte le ricerche e’ stato il confronto del Dna di individui sani con quello dei pazienti per verificare se in questi ultimi si annidassero mutazioni specifiche con un ruolo nella malattia.

E sono state trovate molte mutazioni. Richard Trembath del King’s College di Londra ha lavorato sul Dna di 2.622 psoriasici e 5.667 pazienti sani in Inghilterra, trovando alcune mutazioni legate alla malattia, poi confermate dall’altro ramo europeo dello studio. Andre Franke della Universita’ di Kiel e Andre’ Reis dell’Universita’ Erlangen- Nuremberg hanno eseguito uno studio simile sulla popolazione tedesca. Xue-Jun Zhang, della Anhui Medical University di Hefei, sui cinesi.

”Quest’ultimo studio – sottolinea Novelli – ha svelato che tra i cinesi i geni coinvolti sono diversi rispetto alle popolazioni occidentali, mostrando che la psoriasi e’ una malattia molto eterogenea”. ”Si e’ a lungo discusso se la psoriasi fosse primariamente una malattia dell’epidermide o del sistema immunitario – spiega Novelli. Questi studi mettono tutti d’accordo, poiche’ identificano mutazioni sia nei geni che regolano la cute sia in quelli del sistema immunitario. Per la psoriasi artropatica – prosegue Novelli – sono stati identificati anche geni della risposta infiammatoria. Tali studi – conclude – promettono di favorire lo sviluppo di terapie innovative, piu’ efficaci e personalizzate e in grado di ritardare l’evoluzione della malattia verso forme piu’ gravi”. ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: