Fecondazione eterologa: la Cassa…

Nel caso in cui a una cop…

Uno studio finanziato dall'UE se…

[caption id="attachme…

#NOabbandono "Se Mi Lasci Non Va…

 "Se Mi Lasci Non Vali" P…

Vecchi filler: il 20% delle donn…

Occhio ai filler. Labbra …

Scoperto un gene che rafforza il…

[caption id="attachme…

XIII Giornata Mondiale BPCO (Bro…

  Un milione e 200mil…

Cannabis e terapia del dolore: …

All’interno del convegno …

Da Bergamo uno studio innovativo…

[caption id="attachment_7…

L'ipotesi sull'origine genetica …

[caption id="attachment_9…

A Roma musica, arte e poesia si …

Roma, 5 giugno 2013 – Mus…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Manovra AIFA sui generici: un taglio che rischia di diventare un ticket

Roma, 15 Aprile 2011 – L’Associazione dei produttori di farmaci generici ribadisce, anche a seguito delle richieste di chiarimento avanzate dalle Associazioni di cittadini e dei consumatori, la non sostenibilità dal punto di vista economico dei tagli previsti dalla recente delibera AIFA che entra in vigore oggi.

 

“AssoGenerici” dichiara il presidente Giorgio Foresti, “ritiene sia palese a chiunque che un comparto come quello del farmaco generico, che vale circa 750 milioni di euro, non possa subire una riduzione per un importo di 600 milioni senza riportare un autentico tracollo, che metterebbe a rischio la disponibilità, anche per il futuro, di medicinali fondamentali per la salute pubblica a costi contenuti”.

 

“L’elemento più grave – continua Foresti – è che, se le aziende non  riusciranno ad adeguarsi ai nuovi prezzi rimborsati dal SSN, tutto questo si tradurrà in un prelievo diretto sulle tasche dei cittadini, costretti a versare la differenza tra il prezzo di riferimento e quello determinato dalla compatibilità economica della produzione”.

 

“Di fatto, per AssoGenerici la manovra potrebbe tradursi nell’introduzione di un ‘ticket moderatore’, di cui si cercherà di scaricare la responsabilità sulle aziende produttrici di farmaci generici. Una spiegazione, questa, che non corrisponderebbe alla realtà, soprattutto a fronte del fatto che non si è intervenuti adeguatamente per promuovere questo comparto in Italia e per diffondere tra medici e cittadini una reale cultura del farmaco senza brand, come avviene invece nei Paesi europei”.

 

Tra AIFA ed Assogenerici si sono susseguiti molti incontri, nel corso dei quali l’Associazione di categoria ha sempre ribadito la necessità, per le proprie aziende, di avere l’accesso ai volumi. Solo se si fossero garantite adeguate quote di mercato, le industrie avrebbero potuto sostenere da un punto di vista economico la conseguente discesa dei prezzi; un concetto, questo, che la stessa Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha più volte posto in evidenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: