Artrite reumatoide: l'FDA via li…

[caption id="attachme…

Tosse: studio randomizzato confe…

Uno studio europeo su 206…

Il biosimilare è la chiave per c…

Roma, 13 aprile 2015 - “N…

Flagelli: alla scoperta dei ritm…

Nuove scoperte effettuate…

Gravidanza: la voce della mamma …

Per i neonati prematuri a…

Jet -lag e turni di lavoro stres…

Contro il jet-lag, la…

SIN per la Sclerosi multipla: gr…

SM e gravidanza: da una r…

Stress cronico: scoperto il proc…

La somministrazione ai to…

Epatite C: percentuali di Rispos…

I risultati finali di due…

L'intelligenza risiede in alcune…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Neuroni: scoperto il meccanismo per riprodurli

E’ possibile produrre piu’ di 100 miliardi di cellule, ognuna con compiti specifici? Il cervello umano e’ la prova che la natura puo’ raggiungere questo obiettivo e un team di ricercatori dell’Universita’ di Linkoping, in Svezia, ha compiuto un passo in avanti verso la comprensione di questo complesso meccanismo.

”La conoscenza dei meccanismi che diversificano i neuroni e’ necessaria al fine di coltivare e sostituire le cellule nervose in futuro”, ha detto Mattias Alenius, docente di Neuroscienze presso l’ateneo svedese e primo autore della ricerca, pubblicata su PLoS Biology. Alenius, insieme al suo team, ha studiato il sistema olfattivo del moscerino della frutta, che consiste di 1.200 neuroni olfattivi (gli esseri umani ne hanno sei milioni) suddivisi in 34 gruppi.

Ogni gruppo risponde a una particolare serie di odori, poiche’ tutti i neuroni del gruppo utilizzano solo uno dei recettori olfattivi presenti nelle antenne dell’insetto, per cui ad ogni recettore olfattivo corrisponde un gruppo di neuroni. Alenius ha analizzato tutti i 753 geni regolatori (fattori di trascrizione) del moscerino della frutta, individuando una serie di sette geni che, in diverse combinazioni, producono rispettivamente i 34 gruppi di neuroni presenti sulle antenne. Un risultato sorprendente e’ che la maggior parte dei fattori di trascrizione eseguono simultaneamente due compiti: attivano l’espressione dei recettori olfattivi e ne spengono altri nella stessa cellula.
”Questo e’ uno dei tanti trucchi utili da sapere per il futuro – ha spiegato Alenius – se si intendono produrre e coltivare ognuna delle molte migliaia di gruppi di cellule nervose che compongono il nostro cervello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: