Sette sono le ore per un sonno p…

[caption id="attachment_8…

Urologia: utilizzo delle cellule…

La Fondazione italiana co…

Genoma: nuovo metodo per monitor…

Un team di ricercator…

ESMO 2012 - "CA polmonare: benef…

  Afatinib*: beneficio s…

La proteina p53 ha un ruolo impo…

[caption id="attachment_5…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Neuroprotesi che rende "palpabil…

Una schiera di elettrodi …

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Trapianto di fegato: un modello …

Ricercatori dell'universi…

Anche il sangue ha una scadenza

Anche il sangue scade, co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Contro i tremori, nuova terapia agli ultrasuoni

Una terapia con onde sonore concentrate sembra essere un’alternativa efficace ai tradizionali interventi chirurgici contro i tremori. I ricercatori dell’University of Virginia negli Stati Uniti hanno elaborato un nuovo trattamento a ultrasuoni per chi soffre di tremori cronici. Finora l’unica possibilita’ di cura prevede un intervento di trapazione del cranio, una procedura invasiva che molti pazienti rifiutano di fare. I risultati dello studio sono stati presentati al 80th Annual Scientific Meeting of the American Association of Neurological Surgeons svoltosi a Miami.


“A causa dei movimenti involontari, chi soffre di tremori ha problemi nel compiere azioni che diamo per scontate, come mangiare una zuppa o usare un cacciavite”, ha spiegato Jeffrey Elias, neurochirurgo a capo del trial clinco che ha coinvolto 15 partecipanti. “Il nostro procedimento consiste nell’utilizzare gli ultrasuoni per riscaldare una piccola zona di tessuto cerebrale responsabile dei disagi, uccidendolo senza chirurgia invasiva – ha sottolineato – i primi risultati si sono visti su un paziente 74enne, che in seguito al trattamento con ultrasuoni e’ passato dal non riuscire a mangiare allo scrivere parole crociate”. Solo negli Usa 10 milioni di persone vivono con i tremori, e molti preferisco non intraprendere un intervento. “Un’eliminazione mirata del tessuto danneggiato grazie agli ultrasuoni potrebbe diventare l’alternativa” ha concluso Elias. (AGI) –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: