Scienza e buon senso per dire al…

Mercoledì 17 aprile in tu…

Il Senato approva il DdL Lorenzi…

Roma, 24 maggio 2016 – “V…

Osteoporosi severa: prosegue lo …

Come riconoscere i camp…

Linfomi: la migrazione di un gen…

Londra, 10 dic. - Scopert…

Sclerosi Multipla: concluso recl…

Si è conclusa la fase di …

Fumo passivo: parte dalla Svizze…

Divieti di fumare più res…

Tumori neuroendocrini: rari ma i…

[caption id="attachment_7…

È nella rottura del genoma la pr…

[caption id="attachment_4…

Farmaci generici e farmaci brand…

Presentati a Roma, in occ…

Glaucoma acuto: è una malattia i…

Il glaucoma acuto e' in g…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dati Censis: Tac e RX grande richiesta nel privato, per l’attesa ridotta ad un quarto, ma costano il triplo

Boom del privato per Tac, ecografie, mammografie, Rx. Nel periodo 2005-2011 è infatti triplicata la percentuale di persone che hanno effettuato nel corso dell’anno accertamenti tramite la diagnostica per immagini in strutture private a pagamento intero.

Lo evidenzia una ricerca realizzata dal Censis per Assobiomedica, presentata oggi a Roma.
Si è passati dunque dal 5,6% del totale delle persone che hanno eseguito accertamenti medici privatamente nel 2005 a oltre il 18% nel 2011.

Ci si rivolge alle strutture private perché nel pubblico le liste d’attesa sono troppo lunghe: occorrono in media 58 giorni per accedere ad accertamenti tramite la diagnostica per immagini, contro i 38 giorni necessari nelle strutture private convenzionate e i 15 giorni appena nelle strutture private. Ma se nel privato a pagamento intero il tempo d’attesa è pari a un quarto rispetto al pubblico, i costi sono pari a più del triplo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: