Sindrome di Rett: individuato nu…

Identificato un marker p…

Mucca pazza: pronto il primo tes…

A opera di un gruppo di s…

Confronto tra gruppi di cellule …

Le cellule staminali otte…

La tendenza ad ingrassare, compl…

[caption id="attachment_…

Attività fisica: come influisce …

Due ore e mezza di attivi…

Spermatozoi artificiali da cellu…

[caption id="attachment_1…

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Distrofia Duchenne: speranze dal…

[caption id="attachment_5…

Primo cuore pulsante da cellule …

Potrebbero mancare poche …

Miastenia gravis: scoperta itali…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Impulsività e uso di droghe: scoperto il network cerebrale responsabile

Scoperto un collegamento tra un network cerebrale associato all’impulsivita’ e l’abuso di droghe. I teenager che hanno una ridotta attivita’ in una zona frontale del cervello hanno infatti piu’ probabilita’ di aver sperimentato con droghe, alcool e sigarette, come rivela un nuovo studio pubblicato su Nature Neuroscience. “La ridotta attivita’ cerebrale di questa zona e’ da tempo associata all’impulsitivita’.


Stranamente, non si tratta della stessa area associata ai deficit d’attenzione (ADHD)” ha spiegato Hugh Garavan dell’ University of Vermont negli Stati Uniti, neuroscienziato a capo dello studio che e’ stato effettuato su un campione di 1896 quattordicenni. “Questo ci suggerisce che l’ADHD potrebbe non essere un fattore di rischio per l’abuso di sostanze stupefacenti come si sospettava in precedenza. Questo studio ci mostra quindi come l’impulsivita’ possa derivare dall’insieme di piu’ elementi combinati in diverse zone del cervello” ha concluso Garavan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: