Igiene orale: i batteri possono …

Non lavarsi i denti può f…

HIV: nuove immagini ottenute con…

[caption id="attachment_1…

Progetto Giovani Pavia ’93: comi…

La campagna, resa possibi…

Akosol inventa il PTA Fotodinami…

 Un pool di scienziati è …

Staminali somatiche già differen…

Una nuova frontiera e' st…

Cellule staminali pluripotenti i…

Una equipe giapponese ha …

27 febbraio: all’Istituto San Ca…

Busto Arsizio (VA), febbr…

Cancro della prostata: prometten…

I ricercatori del Centen…

Scoliosi gravi: il bisturi non s…

[caption id="attachment_9…

Anche in un carcere si tiene la …

Nel carcere di Badu ‘e Ca…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Vaccino anti-HPV gratis in sei città, alle ragazze disagiate

Vaccino ‘scudo’ anti-Papillomavirus gratis alle ragazze disagiate in 6 città italiane, grazie a una campagna lanciata dall’Istituto europeo di oncologia di Milano e dalla Croce Rossa Italiana, che proprio dal capoluogo lombardo danno il via a un progetto di prevenzione contro il primo responsabile del cancro al collo dell’utero. L’iniziativa farà tappa anche a Torino, Roma, Napoli, Bari e Palermo.


“Le Regioni italiane – ricordano i promotori del progetto in una nota – hanno già provveduto a lanciare campagne di vaccinazioni di ragazzine 12enni, con una percentuale di risposta influenzata da elementi familiari e sociali. Nei fatti, sono rimaste escluse dalla vaccinazione giovani ragazze che, a causa di una condizione familiare e sociale di disagio, più difficilmente recepiscono le proposte di prevenzione. Ieo e Cri hanno quindi stabilito di portare la vaccinazione, a titolo gratuito, in 6 città italiane. Cooperando con i Servizi sociali dei singoli Comuni, proporranno la vaccinazione a giovani ragazze in stato di disagio”. La prima iniziativa legata al progetto è stata sostenuta dalla Fondazione Rotary Club Milano con una serata al Teatro Nuovo, dove ieri è andata in scena la pièce ‘Caveman’ con la regia di Teo Teocoli, proprio per supportare la campagna di promozione del ‘vaccino delle ragazze’.

“Questo progetto – afferma Mauro Melis, amministratore delegato Ieo – vede Ieo impegnato insieme a Croce Rossa in un’opera di prevenzione sul territorio, a favore di fasce sociali disagiate. Chi si trova in condizioni di fragilità ha bisogno del massimo dell’attenzione e della cura: è nostra missione garantire condizioni di prevenzione e salute al massimo livello per tutti”, precisa. “Credo nella prevenzione, credo nei giovani e sono convinto che abbiano il diritto di ricevere informazioni sanitarie accurate, per scegliere consapevolmente procedure preventive utili e preziose che nella nostra Regione sono a disposizione”, afferma Carlo Pampari di Fondazione Rotary. Patrizia Ravaioli, direttore generale Cri, si dice “orgogliosa e felice per un progetto dedicato alle giovani donne, che hanno bisogno di tanta attenzione e grande cura nella prevenzione di malattie che possono finalmente essere debellate grazie a strumenti come la vaccinazione contro HPV”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: