I Cantieri di Co-Opera-Azione ha…

Si chiude il ciclo dell’e…

Gastrite e cattiva digestione po…

Pranzi e cene abbondanti …

Cancro: terapia col virus "Rigvi…

Stranamente, i malati di …

Dolore cronico: negli ospedali i…

Secondo 1 specialista su …

Epatociti ottenuti da cellule st…

Un nuovo metodo per crear…

Chemioterapia: un additivo alime…

Un additivo alimentare ut…

Informatica organica: italiani f…

[caption id="attachment_6…

Distruggere i tumori senza anest…

[caption id="attachment_1…

Nuove evidenze scientifiche di e…

In occasione del Congress…

Il meccanismo cellulare di difes…

Ecco in che modo la pell…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Dolore: la sua sede è nel cervello: trovarlo, fotografarlo, combatterlo

Emicrania e mal di schiena le patologie più diffuse.
E in Italia il 26% della popolazione soffre di dolore cronico

Il dolore, causato da molteplici fattori tra cui trauma, malattia, malattia terminale, problemi di salute cronici, colpisce centinaia di milioni di persone in tutto il mondo: 1 adulto su 5 convive con dolore cronico o ricorrente. I maggiori esperti internazionali di dolore si confrontano a Milano nel 14° Congresso Mondiale sul Dolore sugli ultimi sviluppi della ricerca e della terapia del dolore: dal brain imaging all’epigenetica, dal dolore viscerale al mal di testa, fino all’importanza degli interventi psicosociali .
SCHIENA E TESTA – Mal di schiena ed emicrania sono i dolori più diffusi: si stima che 1 persona su 2 soffra di mal di testa almeno una volta all’anno, mentre ogni adulto ha sofferto di un episodio di dolore muscoloscheletrico almeno una volta nella propria vita. Dopo Montreal nel 2010, l’International Association for the Study of Pain (IASP) ha scelto di tornare dopo 37 anni in Italia, che nel 1975 ha ospitato a Firenze il primo Congresso Mondiale sul Dolore. Si confrontano a Milano i maggiori esperti internazionali di terapia del dolore tra ricercatori di base, medici, dentisti, psicologi, infermieri, fisioterapisti, farmacisti e altri professionisti della salute per aggiornarsi sui nuovi sviluppi nel campo della ricerca e della terapia. «Oggi il dolore non può più essere sottovalutato – ha esordito la professoressa Eija Kalso, Università di Helsinki e presidente di IASP – : è molto più complesso di quanto si pensasse in passato. Abbiamo bisogno di un approccio multidisciplinare per capire al meglio i meccanismi legati al dolore e per migliorare l’efficacia degli interventi terapeutici»

DOLORE NELLA TESTA – Nell’anno mondiale contro l’emicrania (che termina a ottobre) gli esperti sottolineano come il dolore sia proprio nella testa e come l’analisi del cervello con le moderne tecniche di brain imaging apra nuove prospettive per la terapia e la gestione dei pazienti. «Il brain imaging – ha spiegato Irene Tracey, Presidente del Comitato Scientifico del 14° Congresso Mondiale sul Dolore, Università di Oxford – ci consente di ‘vedere’ all’interno del sistema nervoso centrale umano (encefalo e midollo spinale) e di misurare il suo funzionamento. Possiamo ‘osservare’ il cervello mentre elabora i segnali provenienti dalle aree danneggiate dell’organismo, generando l’esperienza conscia del dolore. Così possiamo identificare le aree più importanti da cui nasce il dolore e studiare come altre aree, una volta divenute attive, lo peggiorino notevolmente, generando ansia, depressione, aspettative negative eccetera. Sono state fatte nuove scoperte e apprese nuove informazioni sul cervello e sulla centralità del suo ruolo: speriamo che da qui possano svilupparsi nuove terapie e nuove strategie per la gestione dei pazienti».

IL DOLORE NELLA POPOLAZIONE – La Norvegia è la nazione europea con la più alta incidenza di dolore: quasi 1 norvegese su 3 (il 30% della popolazione) soffre, infatti, di dolore cronico. Nel Vecchio Continente seguono per “dolorosità” Polonia (27%) e Italia (26%), mentre si soffre di meno in Spagna (12%), Irlanda e Gran Bretagna (13%). Inoltre, secondo statistiche recenti, il 26% degli adulti americani (circa 100 milioni) soffre di dolore cronico. Il paziente tipo, indipendentemente dal Paese di provenienza, è donna (56%) e ha un’età media tra i 40 e i 50 anni. In 1 caso su 5 il dolore cronico porta alla perdita del proprio lavoro o a un ridimensionamento del proprio percorso professionale. Inoltre, nel 21% dei casi, influisce sullo stato emotivo, portando alla depressione. Infine, gli esperti identificano una relazione inversamente proporzionale tra il grado di istruzione e il grado e la persistenza del dolore. «Il 30% dei cittadini con un livello di istruzione medio-basso – spiega il professor Paolo Marchettini, Presidente del Comitato Organizzativo Locale del 14° Congresso Mondiale sul Dolore, Responsabile dei Centri di Medicina del Dolore del Centro Diagnostico Italiano di Milano e dell’Ospedale San Raffaele – hanno esperienza di dolore severo, mentre l’incidenza scende al 17-18% nella popolazione con un titolo di studio elevato. Questo fenomeno si spiega con la presumibile migliore capacità di comunicare con il medico di una persona più istruita».
Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: