Al via la terza edizione del pre…

l Premio di 10.000 euro i…

Ricercatori di Potsdam ottengono…

[caption id="attachment_2…

Alzheimer: descritto l'anello ma…

Un gruppo di ricercat…

L'ormone di salute e sazietà nel…

Ricercatori in Svezia han…

Sanofi Pasteur MSD sostiene la I…

L'azienda dedicata esclus…

SI CELEBRA OGGI LA IX GIORNATA M…

“Non abbiamo fatto tanta …

Telethon dice stop alle emorragi…

[caption id="attachment_9…

Obesità: tra le cause della depr…

Se la depressione mostra …

Il meccanismo di memoria delle c…

Quando una cellula "m…

Malattia di Huntington: la ricer…

Una ricerca condotta dall…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Miele: rimedio naturale: combatte la tosse favorendo il sonno.

Il rimedio della nonna per eccellenza contro la tosse è stato finalmente suffragato dalla scienza: il miele è davvero in grado di lenire la tosse nei più piccoli e di favorire il riposo notturno. Ne basta un cucchiaio: a sostenerlo è uno studio pubblicato su Pediatrics da un gruppo di ricercatori israeliani guidati da Herman Avner Cohen, ricercatore del Pediatric Ambulatory Community Clinic di Petach Tikva e della Sackler Faculty of Medicine della Tel Aviv University.

I ricercatori hanno diviso in 4 gruppi 300 bambini da 1 a 5 anni di età, e li hanno sottoposti a 4 diversi trattamenti anti-tosse prima di andare a dormire: mezz’ora prima di farli addormentare veniva dato loro un cucchiaio di miele (circa 10 grammi) di tre tipi differenti, oppure uno sciroppo dolce ma che non conteneva miele. Ed è emerso che grazie al miele i colpi di tosse diventavano meno frequenti e meno forti, e di conseguenza la qualità del sonno migliorava.

Secondo James Steckelberg del Dipartimento di Malattie Infettive della Mayo Clinic (Usa) il miele si comporterebbe come il destrometorfano, sostanza utilizzata in diversi farmaci anti-tosse.


Meglio, però, astenersi dal dare il miele ai bambini con meno di un anno di età, spiega Steckelberg, soprattutto se preparato in casa, perché il consumo può essere associato alla comparsa di una rara ma grave forma di intossicazione alimentare (botulismo infantile). E poi perché, spiega, la presenza della tosse non deve essere necessariamente vissuta come un evento negativo: se il bambino è in buona salute, infatti, un po’ di tosse non fa altro che liberare le vie aeree dal muco, e non può che fare bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: