Celiachia: squilibrio tra sistem…

Alti livelli di una prote…

Frenare il fenomeno di autofagia

Lo stress si ripercuote s…

Chemio e radioterapia in gravida…

Presentati al congresso E…

Nuova forma di comunicazione neu…

Gli innumerevoli campi el…

KLOTHO permette di regolare iper…

[caption id="attachme…

SLA: una proteina anomala che si…

Scoperta una proteina ano…

Ischemia intestinale, l'olio di …

Alcuni componenti dell'ol…

Emicrania: in GB al via il tratt…

[caption id="attachment_9…

Aglio, cipolla e pomodoro: il su…

Il segreto è nel soffritt…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Colesterolo cattivo e malattie cardiache: l’aiuto che arriva dall’anguria

Previene le problematiche cardiache grazie alla riduzione dei livelli del colesterolo cattivo (scientificamente conosciuto come ‘Lld’) e aiuta a contrastare l’aumento di peso, oltre a essere gustosissimo: il cocomero, secondo uno studio pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry, potrebbe rivelarsi la nuova arma alimentare a favore di cuore e linea. Il merito sarebbe della citrullina, una sostanza contenuta nel frutto dissetante e già conosciuta dalla comunità scientifica per le sue proprietà benefiche nella prevenzione dell’ipertensione e delle malattie cardiache. Quanto cocomero serve per dare effetti benefici? Basta una fetta al giorno, assicurano i ricercatori della Purdue University (Usa) che hanno realizzato lo studio.

I ricercatori hanno nutrito due gruppi di topi con una dieta ricca di grassi, e hanno poi dato a un gruppo acqua da bere e all’altro succo di anguria: dopo averli osservati per diversi mesi è emerso che, nonostante avessero consumato la stessa dieta, i topi che avevano bevuto il succo di anguria avevano i livelli di colesterolo Ldl del 50% inferiori a quelli che avevano pasteggiato solo con acqua e, mediamente, avevano il 50% in meno di placche aterosclerotiche depositate sulle pareti interne dei vasi sanguigni. Non solo: i topi che avevano bevuto succo di anguria pesavano, in media, il 30% in meno.

«Sappiamo che l’anguria fa bene alla salute perché contiene la citrullina – spiega Shubin Saha, primo autore dello studio -, ma non sappiamo ancora a che livello molecolare lavori questa sostanza. Questo sarà il passo successivo da esaminare nelle prossime ricerche».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: