Sigarette elettroniche: l'ISS le…

La relazione dell'Istitut…

Sclerosi Multipla: tra i fattori…

Due studi mostrano che ch…

Il regno animale accomunato dal …

[caption id="attachment_6…

I dati AIFA sulla spesa conferma…

Roma, 14 luglio 2014 - “L…

Il sonno blinda le emozioni fort…

Dormire dopo aver osserva…

Alzheimer: prevenirlo allenando …

Le persone che 'sfidano' …

Quando la cellula abbandona i mi…

[caption id="attachment_9…

E se fossimo tutti provenienti d…

Secondo nuove prove eme…

Cibo-spazzatura, o junk food, mo…

Lo scontro politico, e id…

Sindrome da deficit di attenzion…

La sindrome da deficit di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Gel a DNA che simula i muscoli

Alcuni ricercatori americani hanno costruito un materiale genetico “meccanicamente attivo”: il materiale ‘smart’ e’ composto da Dna e risponde con un movimento quando stimolato. La ricerca della University of California di sata Barbara e’ stata pubblicata sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences”. Secondo gli scienziati, dunque, muscoli artificiali e semoventi potrebbero presto non essere solo una finzione fantascientifica. Gli studiosi hanno realizzato un gel dinamico composto da Dna che risponde meccanicamente agli stimoli in modo molto simile a quanto fanno le cellule. “Si tratta di un nuovo tipo di gel reattivo, un materiale intelligente che ha capacita’ meccaniche in quanto genera le forze in modo indipendente, portando a cambiamenti di elasticita’ e di forma quando si somministrano molecole Atp (adenosina trifosfato) per l’energia, come fa una cellula vivente” ha spiegato Omar Saleh, fra gli autori dello studio. Il gel di Dna, che misura solo 10 micron di larghezza, ha circa le dimensioni di una cellula eucariotica, il tipo di cellula degli esseri umani.


La sostanza contiene al suo interno dei nanotubi rigidi di Dna collegati tra loro da lunghi e flessibili filamenti di Dna, che fungono da substrato per “motori” molecolari. Utilizzando una proteina batterica, chiamata FtsK50C, gli scienziati hanno indotto il gel a reagire come il citoscheletro reagire alla proteina miosina (quella dei muscoli), ossia con contrazioni e irrigidimento. La proteina si lega in superficie ai lunghi filamenti di collegamento, accorciandoli e portando i nanotubi ad avvicinarsi tra loro.
Per accertare il movimento del gel, gli scienziati hanno attaccato un piccolo frammento sulla sua superficie e hanno misurato la sua posizione prima e dopo l’attivazione della proteina “motrice” stimolante. (AGI) .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: