Distrofia facio-scapolo-omerale:…

Uno studio finanziato da …

Alzheimer: può essere predetto d…

Diagnosi precoce per …

Tumore metastatico del colon: cu…

Con le terapie più indica…

Colesterolo: a decidere se catti…

[caption id="attachment_9…

La musica del cervello, italiani…

[caption id="attachment_1…

Nel quartiere #Gorla, attività f…

Milano, 17 ottobre 2016 -…

Caffé: mappato il genoma della v…

Svelato il Dna del caffè.…

Geneticamente predisposti alla v…

Stare bene in salute, ave…

Cardiomiopatia periparto: colleg…

La cosiddetta cardiomiopa…

MENO RISCHI CON "NUOVA" RISONANZ…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattia umana di un organo ricreata su chip

I ricercatori dell’Università di Harvard sono riusciti per la prima volta a riprodurre una malattia umana in un organo su chip. Si tratta, spiegano gli studiosi del Wyss Institute for Biologically Inspired Engineering su ‘Science Traslational Medicine’, dell’edema polmonare. Il risultato, che si è guadagnato la copertina della rivista, è stato ottenuto usando un microchip ricoperto di cellule polmonari umane viventi, e consente ai ricercatori di studiare la tossicità dei medicinali e identificare nuove potenziali terapie.


Gli scienziati diretti da Donald Ingber hanno prima ricreato il polmone su chip, poi hanno studiato un farmaco per la chemioterapia (interleuchina 2) direttamente sul micro-polmone. “Le maggiori compagnie farmaceutiche spendono molto tempo e una gran quantità di denaro su culture cellulari e test sugli animali per sviluppare nuovi farmaci – spiegano i ricercatori – ma questi metodi spesso non riescono a predire tutti gli effetti di queste sostanze una volta usate sull’uomo”. Il polmone su chip è pensato proprio per accelerare e rendere più efficace e meno costosa la ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: