(Salute 24) Ipertiroidismo o ipo…

Estate, una stagione …

Lo zucchero amplifica efficacia …

'Basta un poco di zucche…

Identificato il gene della "feli…

Si chiama Maoa ed e' il g…

Reflusso gastroesofageo: necessa…

Due italiani su dieci lam…

Un ormone in grado di sortire st…

Esiste un ormone che, alm…

Un caffè al dì, per allontanare …

Basta una sola tazza di c…

Sistema immunitario in rivolta n…

Quando il sistema immunit…

Sclerosi Laterale Amiotrofica: n…

La sclerosi laterale amio…

Chemioresistenza: gli italiani d…

[caption id="attachment_8…

Epatite C: farmaci antivirali, n…

Trattare la forma cronic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malattie neurodegenerative: trattamenti antidepressivi stimolano crescita cellule staminali nervose

Una speranza per contrastare malattie neurodegenerative come l’Alzheimer e il Parkinson viene da uno studio sulle terapie antidepressive condotto da Maura Boldrini, ricercatrice dell’universita’ di Firenze. Alla scoperta ha dedicato la copertina la rivista scientifica Biological Psichiatry. La scienziata fiorentina ha dimostrato che, sui soggetti affetti da forme depressive, il trattamento farmacologico stimola la crescita di cellule staminali nervose e di vasi sanguigni.
‘Questa scoperta – spiega Boldrini – rafforza le aspettative del mondo scientifico nei confronti del potenziale di trattamenti basati sulle capacita’ rigenerative delle cellule staminali’.

Nel corso dello studio sono stati confrontati pazienti con diagnosi di disturbi dell’umore con tracce di antidepressivi nel tessuto cerebrale e storia di trattamento con antidepressivi serotoninergici, soggetti depressi che non avevano assunto farmaci antidepressivi e persone non depresse, tutti con le stesse caratteristiche legate all’eta’ e al sesso.
‘E’ un dato acquisito – spiega la ricercatrice – che gli antidepressivi abbiano un potenziale applicativo che va al di la’ della regolazione dell’umore. Con una nuova ricerca ci proponiamo adesso di individuare su quali recettori i farmaci antidepressivi agiscono per produrre l’effetto neurotrofico. A questo scopo useremo un sistema di ricettori in grado di simulare gli effetti della serotonina’. Pochi giorni dopo la pubblicazione su Biological Psichiatry la scoperta della Boldrini e’ stata ripresa e approfondita dalla rivista Science.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: