Sindrome di Rett: individuato nu…

Identificato un marker p…

Mucca pazza: pronto il primo tes…

A opera di un gruppo di s…

Confronto tra gruppi di cellule …

Le cellule staminali otte…

La tendenza ad ingrassare, compl…

[caption id="attachment_…

Attività fisica: come influisce …

Due ore e mezza di attivi…

Spermatozoi artificiali da cellu…

[caption id="attachment_1…

Aggiornamento dei foglietti illu…

Roma, 7 maggio 2014 - “E’…

Distrofia Duchenne: speranze dal…

[caption id="attachment_5…

Primo cuore pulsante da cellule …

Potrebbero mancare poche …

Miastenia gravis: scoperta itali…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anti infiammatori FANS a rischio insufficienza renale nei bambini. Dubbio in un nuovo studio

Un nuovo studio in via di pubblicazione sul Journal of Pediatrics riporta i risultati di un’indagine svolta sui bambini ricoverati in ospedale, nell’arco temporale di 11 anni e mezzo, a cui e’ stata diagnosticata insufficienza renale causata dai FANS, i farmaci anti-infiammatori non steroidei, come l’ibuprofene e il naprossene, comunamente utilizzati per il trattamento del dolore e della febbre nei bambini.fans_non Jason Misurac e i suoi collaboratori della Indiana University School of Medicine e della Butler University hanno svolto un’analisi retrospettiva dei pazienti ricoverati al Riley Hospital for Children at IU Health, a cui fosse stata diagnosticata un’insufficienza renale. Dei 1015 pazienti considerati, 27 presentavano la patologia in associazione all’assunzione di FANS. Dei 27 pazienti affetti, il 78% aveva utilizzato FANS per meno di 7 giorni ed il 75% ne aveva assunto un dosaggio corretto. Nel 67% dei casi, la famiglia ha riferito che il bambino mostrava segni di disidratazione. Gran parte dei pazienti era teenager. Inoltre, i bambini al di sotto dei 5 anni di eta’ sono risultati i piu’ colpiti, presentando piu’ spesso la necessita’ di essere sottoposti a dialisi.


Gli scienziati ipotizzano che tale frequenza sia dovuta ad una loro maggiore predisposizione agli effetti tossici dei medicinali FANS. Nessuno dei pazienti e’ deceduto, ne’ ha sviluppato condizioni gravi permanenti, ma il 30% di essi ha mostrato il persistere di lievi danni renali cronici. I costi delle cure associate all’insufficienza renale dovuta all’uso di FANS sono significativi, soprattutto considerato che si tratta di una condizione evitabile. In aggiunta a tali costi, occorre tenere conto di quello delle cure di lungo termine, dato che gli studi hanno mostrato che questi pazienti hanno sviluppato una maggiore predisposizione a malattie renali croniche.

”Questo studio sottolinea l’importanza di comprendere la storia delle insufficienze renali associate ai farmaci FANS, incluso il potenziale sviluppo di malattie croniche dei reni – sottolinea Misurac – i distributori dovrebbero continuare a fornire un’accurata preparazione ai pazienti e ai bambini”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: