Isolate le staminali maligne del…

[caption id="attachme…

Cervello: descritta la capacità …

Un nuovo studio pubblicat…

Allergie solari nemiche delle es…

I casi di fotosensibilità…

Alzheimer: un enzima-interruttor…

[caption id="attachment_5…

Dal Congresso Co.r.te.: con Bion…

Studio dell’equipe del pr…

La dieta mediterranea per le don…

Migliore salute e vita pi…

Meningite neonatale: Il quesito …

[caption id="attachment_6…

Il progetto MIRACLE per intensif…

[caption id="attachment_8…

SIPPS: L’epidemia di paralisi fl…

La Società Italiana di Pe…

Leucemia mieloide cronica: terap…

E’ una proteina la respon…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Grasso, poco, allunga la vita

La pancia può diventare una ciambella di salvataggio. Non tutto il grasso “natalizio” viene per nuocere: infatti, stando a quanto rivela uno studio di ricercatori americani essere leggermente in sovrappeso può allungare la vita media. Al contrario, essere obesi è una forte minaccia alla sopravvivenza e conduce ad una morte precoce con il 29% delle probabilità in più.  cellule_grasso

Lo studio che allevia i sensi di colpa di chi ha mangiato un po’ di più durante le feste arriva dai Centers for Disease Control and Prevention’s National Center for Health Statistics, i cui ricercatori hanno calcolato la formula matematica che garantisce una sopravvivenza mediamente più lunga: un indice di massa corporea (Bmi) tra 30 e 35, che indica il sovrappesso, pare difendere dal rischio di morte il 6% in più dell’essere troppo magri. Lo studio è pubblicato sul Journal of the American Medical Association (Jama).

Ma come si calcola il proprio Bmi? La misura dell’indice di massa corporea è molto semplice: basta dividere il peso in kg per l’altezza espressa in metri moltiplicata per se stessa. Per esempio:80 kg diviso 1,80 metri per 1,80 metri. Quindi 80 diviso 3,24, pari a un indice di massa corporea di 24,69. L’indice indica il rapporto tra il peso e l’altezza. Sotto i 25 indica la normalità, da 25 a 30 si il sovrappeso, dopo 30 l’obesità.

Cosa hanno scoperto? Analizzando 97 studi dedicati all’argomento, circa 3 milioni di casi, i ricercatori hanno scoperto che in alcune tipologie di persone, gli anziani e i malati cronici, una riserva di grasso può salvare la vita: per esempio in presenza di alcuni trattamenti farmacologici o in seguito a interventi chirurgici, essere troppo magri può essere controproducente, mentre avere un fisico più robusto, ma non essere obesi, garantisce una ripresa del fisico più rapida ed efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: