Tinnito o acufene, possibile sbo…

Un nuovo dispositivo, in …

Un nuovo dispositivo 'iniettabil…

Nell'Unità Operativa di C…

La molecola dei ricordi.

WASHINGTON - Sradicare i …

Studi sulla relazione tra obesit…

[caption id="attachme…

Il Presidente della FIMP: “L’inf…

Praga, 10 Maggio 2012 –…

Vitamina B12 per proteggersi dal…

[caption id="attachment_9…

Nanotubi di carbonio: come il me…

[caption id="attachment_9…

[IBFAN ITALIA] “Latte materno e …

In relazione alla not…

Il #Parkinson 'in vitro'

Riprodotte in laboratorio…

Le corsie cerebrali che ci porta…

[caption id="attachment_9…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il fungo della penicillina possiede un ciclo sessuale e due generi.

Scoperta in Germania: il Penicillium chrysogenum non ha una riproduzione asessuata attraverso le spore come si ritiene da più di cento anni ma possiede, al contrario, un ciclo sessuale e due generi.penicillium

BOCHUM – Il fungo ifomicete Penicillium chrysogenum che produce l’antibiotico penicillina non si riproduce in maniera asessuata attraverso le spore come si ritiene da più di cento anni ma possiede, al contrario, un ciclo sessuale e due generi. La scoperta arriva da un team di ricercatori coordinati da Ulrich Kack e Julia Bahm del Chair of General and Molecular Botany della Ruhr-Universitat e la ricerca è stata descritta sulla rivista Pnas in un articolo intitolato “Sexual reproduction and mating-type a mediated strain development in the penicillin-producing fungus Penicillium chrysogenum”.

Circa cento anni fa, Alexander Fleming rilevò la produzione della penicillina del Penicillium chrysogenum e attualmente non esiste alcuna alternativa simile all’antibiotico che produce un mercato globale di vendite annue di circa sei miliardi di euro. La ricerca tedesca ha ora dimostrato che questo importante fungo può riprodursi sessualmente. “Cinque anni fa abbiamo scoperto l’esistenza dei cosiddetti geni sessuali nel fungo”, ha spiegato Kack.

“Specifiche condizioni ambientali permettono al fungo di riprodursi sessualmente attraverso la combinazione dei geni sessuali di entrambi i generi. Condizioni che prevedono l’allevamento di ceppi fungini in ambienti privi di ossigeno e in piena oscurità e con una integrazione di vitamina biotina. Si tratta di operazioni che potrebbero essere applicate anche ad altri tipi di funghi come il Penicillium citrinum e l’Aspergillus terreus che producono le statine che abbassano il colesterolo nel sangue”.
Repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: