Ipofisi: in arrivo nuove cure pe…

[caption id="attachment_5…

Anemia di Fanconi curata in vitr…

[caption id="attachment_9…

Senza un’informazione più comple…

Roma, 31 agosto 2015 – “I…

Sclerosi Multipla: gli ecceziona…

Roma, 28 gennaio 2009 – L…

Scritta la mappa genetica del ca…

[caption id="attachment_7…

Virus Ebola: scoperto anticorpo …

Roma, 21 nov - Scoperto u…

Dipendenze: un nuovo modello neu…

Grazie a un test su topi …

Lonquex® (XM22 lipegfilgrastim) …

Il parere positivo del …

Chirurgia minivasiva: una “filos…

A Roma, nell’ambito del C…

Autismo: 'scagionati' quasi del …

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Morbo di Parkinson: trovato nuovo legame con pesticidi

Nuove prove di un legame tra i pesticidi e il morbo di Parkinson. parkinsonPer molti anni i neurologi americani della Ucla (University of California a Los Angeles) hanno sospettato l’esistenza di un legame fra i pesticidi e questa malattia, tanto che il paraquat, il maneb e lo ziram – sostanze chimiche utilizzate in California – sono stati legati alla malattia, non solo tra i contadini, ma anche in persone che semplicemente vivevano o lavoravano in prossimità dei campi ‘trattati’. Ora i ricercatori hanno scoperto un legame tra il Parkinson e un altro pesticida, il benomyl, i cui effetti tossicologici perdurano ancora a 10 anni dal divieto della sostanza chimica da parte della US Environmental Protection Agency.

Lo studio, firmato dal team di Jeff Bronstein, è pubblicato su Pnas. L’esposizione al benomyl, spiegano i neurologi, attiva una cascata di eventi cellulari che possono portare al Parkinson. Il pesticida impedisce a un enzima (aldeide deidrogenasi) di controllare una tossina presente naturalmente nel cervello. Se resta incontrollata, la tossina (dopal) si accumula, danneggiando i neuroni e aumentando il rischio individuale di sviluppare il Parkinson. I ricercatori credono che le loro conclusioni evidenzino l’importanza di sviluppare nuovi farmaci per proteggere l’attività dell’enzima chiave. Questi medicinali, spiegano, potrebbero aiutare a rallentare la progressione della malattia, se un individuo è stato esposto ai pesticidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: