Succo di barbabietola: 'doping' …

Il succo di barbabietola …

Cervello: scoperto un interrutto…

La corteccia prefrontale…

Il modello genomico del lievito …

Attraverso l'analisi dell…

Batteri e guerra di segnali: Pse…

Anche nella lotta tra mic…

TRAPIANTI: UNA SOLA CORNEA INTER…

[caption id="attachment_7…

La fabbrica dei tessuti, le cell…

Le cellule staminali del …

Autismo: Pediatri e Regione Tosc…

L'unione fa la forza anc…

Terapia del Dolore: dal convegno…

Il 2 e 3 luglio a Firenze…

Perdita di memoria: nuova tecnic…

Preoccupati che una dimen…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pollini: potrebbero diventare prima via per sviluppo vaccini

I pollini, problema annuale per tutti coloro che soffrono di allergia, possono essere utilizzati come nuova, efficace e pratica via di somministrazione orale dei vaccini

pollineI pollini sono il mezzo aereo tramite cui molte piante si riproducono: sono pertanto indispensabili alla natura per rinnovare e conservare la vita. Tuttavia, per molte persone sono fonte di problemi come le allergie, cosicché, ogni anno, si ritrovano a dover fare i conti con diversi tipi di disturbi.

Ma i pollini, oltre alle succitate caratteristiche, possono avere un ruolo inaspettato e innovativo nel campo dei vaccini. Ci sono infatti, situazioni, aree e Paesi nel mondo che non possono disporre di vaccini iniettabili, così come ci sono persone che non possono utilizzarli in questa forma. In questi casi, un vaccino orale diviene la soluzione migliore. Solo che, con i mezzi attuali, certi vaccini non possono essere veicolati in questo modo.

La soluzione, secondo il dottor Harvinder Gill della Texas Tech University, si troverebbe dunque proprio nel polline. Il ricercatore e i suoi colleghi stanno infatti mettendo a punto una “pillola” vaccino prodotta con il polline, il quale, liberato degli allergeni, può fare da veicolo dei virus del vaccino e farli arrivare a destinazione. Il dottor Gill fa intatti notare che il polline contiene un polimero che è in grado di sopravvivere sia agli acidi che agli enzimi contenuti nel nostro stomaco.

Nel comunicato TTU si legge che la ricerca è stata finanziata dalla US Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), poiché il progetto intendeva fornire un’alternativa ai vaccini iniettabili per i soldati che si recano in Paesi stranieri. La possibilità di utilizzare un vaccino orale, di piccole dimensioni, è molto più semplice e pratica da sfruttare – anche perché la sua somministrazione non prevede la presenza di personale medico, e la persona può assumere da sé il rimedio, e in qualunque momento.
Partendo quindi da un’idea nata per i militari, l’uso dei pollini per veicolare i vaccini potrà facilmente essere esteso alla popolazione civile per migliorarne la diffusione e l’utilizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: