Dalla saliva del pipistrello un …

Un farmaco a base di sali…

Parkinson: in una crema antirugh…

Un nuovo trattamento …

Johnson & Johnson annuncia la na…

I consorzi saranno finanz…

Cancro alla prostata: identifica…

Per la prima volta, s…

Vaccino sperimentale contro Ebol…

[caption id="attachment_7…

Tumore da esposizione all'amiant…

La nuova metodica ovviere…

Fibrillazione atriale: in aument…

Domani si celebra la terz…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Per la crescita delle cellule ne…

L’unione fa la forza. Anc…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Remunerazione delle farmacie: la proposta del Ministero è un passo indietro

fofiRoma, 16 gennaio 2013 – “La proposta di remunerazione della dispensazione dei farmaci a carico del SSN avanzata dal Ministero della Salute costituisce un passo indietro rispetto allo schema che era stato messo a punto con il coordinamento dell’AIFA e al dettato normativo che prevedeva una “ridotta” percentuale sul prezzo al pubblico. Questo il giudizio complessivo della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. “La formula individuata dal Ministero” spiega il presidente della FOFI Andrea Mandelli, “da una parte modifica solo parzialmente lo schema attuale, visto che sui farmaci di prezzo inferiore ai 50 euro la remunerazione resta in gran parte ancorata al prezzo di vendita che, come ormai nessuno può negare, scende di anno in anno.


Dall’altra parte, per i farmaci di prezzo superiore a 50 euro, che sono l’oggetto principale delle forme di distribuzione alternative alla farmacia di comunità, il sommarsi di una quota fissa più alta e di un margine del 10% non favorisce certo una maggiore distribuzione nelle farmacie di comunità dei medicinali innovativi”. A questo si aggiunge un altro aspetto, vale a dire il grave pericolo in cui viene messa la rete delle farmacie rurali sussidiate. “La maggiorazione di 0,10 euro individuata dal Ministero” prosegue il presidente della FOFI “non può in alcun modo salvare le farmacie dei piccoli e piccolissimi centri dalla chiusura nel momento in cui il valore delle ricette diminuisce costantemente. E’ strano che un Governo dimissionario voglia chiudere la sua esperienza con la cancellazione di quelli che, spesso, sono gli unici presidi sanitari su cui possono contare moltissime comunità, proprio dopo aver fatto dell’aumento del numero delle farmacie la propria bandiera. Infine, l’adozione di uno schema così concepito, più conservativo rispetto a quello messo a punto con Aifa, sembra una premessa al non voler mutare l’attuale assetto del servizio farmaceutico, mentre” conclude Mandelli “abbiamo sempre sostenuto che la riforma della remunerazione doveva andare a supporto anche dei servizi che devono accompagnare la dispensazione del medicinale prescritto (dalle attività di supporto all’aderenza alla terapia all’attuazione delle campagne di prevenzione ed educazione sanitaria) e di altri servizi non specificamente collegati al farmaco”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: