Pediculosi, una storia infinita …

Ancora tanti i pregiudi…

Innovativi tessuti medici che di…

Scienziati dell'Universit…

Studio MIMOSA: deluse le aspetta…

[caption id="attachme…

Biotecnologie ed Innovazione in …

Incontro a Milano tra esp…

Infiammazioni intestinali: prote…

La malattia infiammatoria…

Danni da fumo: 50 anni fa il pri…

Era l'11 gennaio 1964 qua…

Parkinson: studio su una protein…

Ricercatori britannici st…

I "forti" leader sono sempre in …

Uno status sociale elevat…

La demenza cancella anche il ric…

[caption id="attachment_7…

Colite ulcerosa: ingerire dei ve…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Un nastro adesivo molecolare per guarire le ferite

Quando ci si ferisce una serie di molecole lavora insieme per ‘tappare’ il buco’, per poi dissolversi nel sangue fino alla necessita’ successiva. molecular_bandaidA capire esattamente il ruolo dei vari agenti del sangue e’ stato uno studio del Mit di Boston pubblicato da Nature Communication, che verra’ usato per imitare il comportamento del ‘nastro adesivo’ protagonista del processo con materiali sintetici.


Una delle scoperte piu’ importanti, spiegano gli autori, e’ che maggiore e’ la velocita’ del sangue che esce maggiore e’ l’efficacia del sistema che ‘tappa il buco’. La molecola chiave e’ il fattore di von Villenbrand, un biopolimero che normalmente viaggia nel sangue in forma arrotolata: “Quando incontra una ferita pero’ si srotola, e come un nastro adesivo espone una parte appiccicosa – spiegano gli autori – al biopolimero si attaccano le piastrine, e in pochi secondi c’e’ gia’ una prima ‘toppa’, che viene poi perfezionata nel tempo da altre cellule”. Nel sangue circola anche una specie di ‘forbice molecolare’, ha scoperto lo studio, che interrompe il processo quando e’ necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: