In gravidanza sono i batteri "ca…

Durante la gravidanza la …

Malaria: l'eliminazione potrebbe…

L'eliminazione della mala…

Morbo di Crohn: nei casi più gra…

La malattia di Crohn è un…

Tumori del fegato: grazie a viru…

C’è una nuova arma per id…

Giornata Mondiale del Sonno: è d…

Abano Terme, 14 Marzo 201…

Alzheimer: ricerca in essere, pr…

Benché la scienza abb…

Alzheimer e sindrome di Down: pr…

[caption id="attachment_7…

Trombopenia neonatale alloimmune…

La trombopenia neonatale …

Anticorpo intelligente contro il…

[caption id="attachment_9…

WAidid: Bambini e Natale, attenz…

Ci siamo, il Natale è all…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Aminoacidi anti-invecchiamento, ma poco utilizzati

L’aggiunta in dieta di specifiche miscele aminoacidiche, ben al di la’ degli effetti sul trofismo muscolare, e’ in grado di favorire il recupero dello stato di salute in tutte quelle situazioni caratterizzate da carenza energetica. In questo senso le malattie legate all’invecchiamento sembrano le piu’ promettenti.aminoacidi

Nonostante i risultati positivi derivanti da recenti ricerche, emerge pero’ che l’utilizzo degli aminoacidi, o di specifiche miscele degli stessi, non sembra ancora avere raggiunto quella diffusione che i dati sperimentali stessi sembrano consigliare a supporto delle tradizionali terapie farmacologiche specifiche per le malattie legate all’invecchiamento.


Di particolare interesse e’ la dimostrazione che leucina, isoleucina e valina aumentano la sopravvivenza dei lieviti e i loro livelli plasmatici sembrano correlati a diverse malattie metaboliche, come l’obesita’ e il diabete. A questo riguardo, e’ stato dimostrato come la leucina riduca il consumo di cibo agendo sui neuroni ipotalamici coinvolti nella regolazione del comportamento alimentare. Inoltre, le miscele arricchite in aminoacidi essenziali, si sono dimostrate in grado di attivare i segnali cellulari coinvolti nel mantenimento della mitocondriogenesi e della funzione ossidativa mitocondriale e, quindi, di aumentare la produzione di energia delle cellule.

Tra gli importanti appuntamenti in calendario a ”Pianeta Nutrizione & Integrazione” ci sara’ un convegno che si propone l’obiettivo di richiamare l’attenzione sui risultati scientificamente ottenuti con l’utilizzo degli aminoacidi per la prevenzione e la cura delle malattie sempre piu’ diffuse nelle nostre societa’. Un focus, quindi, su nuovi approcci terapeutici e nutrizionali rivolti alla prevenzione e alla cura delle malattie legate all’invecchiamento dal titolo ”Aminoacidi e micronutrienti: prevenzione e salute” che avra’ luogo precisamente venerdi’ 17 maggio 2013 alle ore 14,30, nel corso della tre giorni del IV Forum Multidisciplinare sulla Sana Nutrizione organizzato da Akesios Group e in programma alle Fiere di Parma.

1 comment

  1. francesco paolo RUGGIERI

    IL siero ricavato, dopo l’estrazione della ricotta di ovini caprini, pascolanti!, possiede tutti e tre gli aminoacidi ramificati, LEUCINA, ISOLEUCINA E VALINA, presenti in tutte le proteine del corpo umano, che io utilizzo, in 150-200ml di siero, con 3-4 albumi di uova da galline ruspanti !, polvere, macinate al momento utilizzo, di nove acini di pepe bianco, maturo, 10g di semi di finocchietto selvatico, 30-40g di semi di lino, 40-50ml di olio di oliva giallo oro, da olive mature, polpa viola! ed un cucchiaio raso di olio al peperoncino: ottimo anabolizzante naturale e anche afrodisiaco con sentore di gonfiore dei muscoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: