Parassitosi intestinali: la svol…

I vermi parassiti sono un…

Autismo: un eccesso di neuroni s…

Secondo una nuova ricerca…

Scoperto un ormone che annulla l…

Un gruppo di ricercatori …

Ebola: Italia molto avanti per l…

(ASCA)L'infezione da Ebol…

Meningite: arriva primo vaccino …

[caption id="attachment_9…

Nuova tecnica per evitare inutil…

[caption id="attachment_8…

Il grasso si deposita sul girovi…

Il "viaggio" del grasso v…

Morbillo e vaccino: le novità

Roma, 30 settembre 2013 –…

Trapianto di organi da neonato: …

Fegato e reni sono stati …

Obesità: il palloncino intragast…

Novita' contro l'obesita'…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: propranololo in grado di migliorare risposta di linguaggio e capacità mnemoniche


Le persone con un disturbi dello spettro autistico (ASD) hanno spesso difficolta’ a comunicare e interagire con gli altri, perche’ elaborano il linguaggio, le espressioni facciali e spunti sociali in modo diverso. In passato, gli scienziati hanno scoperto che il propranololo, un farmaco comunemente usato per trattare pressione alta, ansia e panico, potrebbe migliorare le abilita’ linguistiche e il funzionamento sociale delle persone con Asd.autismo_530 Ora, uno studio della Universita’ del Missouri scopre che questo farmaco potrebbe anche contribuire a migliorare le capacita’ della cosiddetta memoria di lavoro delle persone con autismo. La memoria di lavoro rappresenta la capacita’ di un individuo di di trattenere e manipolare una piccole quantita’ di informazioni per un breve periodo, e permette alle persone di ricordare cose come le direzioni, di completare puzzle e di seguire le conversazioni. La ricerca e’ stata pubblicata sul Journal of the International Neuropsychological Society.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: