Sette sono le ore per un sonno p…

[caption id="attachment_8…

Urologia: utilizzo delle cellule…

La Fondazione italiana co…

Genoma: nuovo metodo per monitor…

Un team di ricercator…

ESMO 2012 - "CA polmonare: benef…

  Afatinib*: beneficio s…

La proteina p53 ha un ruolo impo…

[caption id="attachment_5…

Svizzera, primo intervento al ce…

[caption id="attachment_1…

Neuroprotesi che rende "palpabil…

Una schiera di elettrodi …

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Trapianto di fegato: un modello …

Ricercatori dell'universi…

Anche il sangue ha una scadenza

Anche il sangue scade, co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Pesce a tavola: strumento per decretare il grado di contaminazione

Da quando è iniziata la saga della carne di cavallo nel 2012, alcuni di noi hanno deciso di mangiare più pesce e frutti di mare, dopo tutto si dice che siano più salutari. Tuttavia, oggi questo potrebbe non essere più vero. Sebbene la legge dell’UE permetta ai consumatori di conoscere da dove arriva il pesce che acquistano al supermercato, molti ristoranti non hanno alcun obbligo di rivelare la provenienza del pesce che servono in tavola. frutti_mare

In particolare, sono disponibili solo informazioni limitate sugli agenti inquinanti del pesce per i quali le autorità non hanno fissato un limite massimo. Tra questi ci sono contaminanti prioritari come le biotossine provenienti da fioriture nocive di alghe e rifiuti marini. Per migliorare la sicurezza del pesce per i consumatori e ridurre i rischi per la salute umana, il progetto ECsafeSEAFOOD mira a valutare le questioni di sicurezza legate principalmente a contaminanti prioritari non regolati e a valutarne le conseguenze per la salute pubblica.

Il pesce e i crostacei sono alimenti nutrienti che dovrebbero preferibilmente far parte di una dieta sana. Il problema è che tutti i pesci e i crostacei dei nostri mari contengono vari tipi di agenti inquinanti. Gli inquinanti inorganici con il maggiore potenziale di tossicità vanno dall’antimonio, l’arsenico e il cadmio, fino al piombo, il mercurio, il selenio e i solfiti (usati per la lavorazione dei gamberi). Tra gli inquinanti organici ci sono i bifenili policlorurati, le diossine, diversi insetticidi di idrocarburi clorurati e alcuni contaminanti legati alla lavorazione (nitrosammine e forse prodotti di clorurazione). Anche i contaminanti legati all’industria dell’acquacoltura rappresentano un rischio notevole per i consumatori.

L’inquinamento degli oceani e i cambiamenti climatici fanno crescere la preoccupazione riguardo allo stato generale dell’ambiente marino ma anche riguardo alle conseguenze per la sicurezza del pesce e per la salute pubblica. Poiché esiste raramente un legame quantitativo ben definito tra i livelli di contaminanti nell’ambiente marino e i livelli nel pesce, c’è un chiaro bisogno di maggiore ricerca sul trasferimento dei contaminanti dall’ambiente marino al pesce.

Con finanziamenti per 5 milioni di euro, ECsafeSEAFOOD è un progetto pioneristico che accetterà la sfida di valutare le questioni di sicurezza del pesce riguardanti i contaminanti che potrebbero essere presenti nel pesce in conseguenza di una contaminazione ambientale. Il progetto valuterà le conseguenze che la presenza di questi contaminanti sta avendo sulla salute pubblica. Questo fornirà una base per una migliore gestione del rischio legato al pesce e una maggiore consapevolezza pubblica.

Il progetto riunisce scienziati provenienti da diverse discipline delle scienze alimentari, tra cui: ecotossicologia, biochimica, alimentazione, valutazione del rischio, qualità del pesce e comportamento e percezione dei consumatori. Il partenariato comprende anche delle PMI per agevolare il trasferimento e l’assimilazione della ricerca da parte delle parti interessate.
[one_fourth last=”no”]

Banner Generici Image Banner 180 x 150
[/one_fourth]
Il dott. Antonio Marques, che è il coordinatore del progetto, spiega: “Il progetto ECsafeSEAFOOD studierà se esiste un collegamento tra la contaminazione dell’ambiente marino e la qualità del pesce che consumiamo. Che mangiare pesce faccia bene alla salute è stato dimostrato in svariati modi ed ECsafeSEAFOOD desidera sviluppare strumenti per assicurare che questi benefici possano continuare in futuro”.

Il dott. Marques aggiunge: “Il progetto ECsafeSEAFOOD fornirà prove scientifiche che saranno la base per un ulteriore sviluppo di politiche comuni di sicurezza alimentare e politiche e provvedimenti riguardanti la salute pubblica e l’ambiente”.

Quindi, benché i benefici e i rischi di consumare pesce abbiano ricevuto molta attenzione da parte dei media man mano che si sviluppava la saga della carne di cavallo, finché i ricercatori daranno ai consumatori i mezzi per valutare la sicurezza del nostro cibo, forse la cosa migliore è cominciare a mangiare insetti. Dopo tutto, sono in cima alla classifica nutrizionale per il loro contenuto di proteine e minerali. In effetti, potrebbe essere nel migliore interesse del pianeta se gli occidentali superassero secoli di condizionamenti culturali e dessero una possibilità all’entomofagia.

Il progetto ECsafeSEAFOOD, il cui titolo ufficiale è “Priority environmental contaminants in seafood: safety assessment, impact and public perception”, è finanziato dal Settimo programma quadro (7° PQ) e coordinato dall’Instituto Português do Mar e da Atmosfera (IPMA, I.P.), in Portogallo, ed avrà una durata di quattro anni. L’avvio ufficiale del progetto è stato segnato da un incontro dei partner a febbraio 2013 a Lisbona, in Portogallo.

Per maggiori informazioni, visitare:

– AquaTT
http://www.aquatt.ie/

1 comment

  1. Pingback: Pesce a tavola: strumento per decretare il grado di contaminazione | Solo Sogni Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: