Il beneficio dei probiotici nei …

Somministrare probiotici …

Mal di schiena per 7 adolescenti…

Per la prima volta in Ita…

Leishmaniosi: in arrivo un nuovo…

L'Unione europea sta affr…

Gli Omega 3 - antibatterici del …

[caption id="attachment_5…

Antiaggreganti: complicanze di r…

Per la prima volta, è sta…

Nobel per la medicina o fisiolog…

Il Nobel per la medicina …

Nintedanib* ottiene il parere po…

I trial di Fase III …

Al Gemelli un Centro per la cura…

Roma, 26 marzo 2014 – Il …

I produttori europei di equivale…

Solo attraverso una pol…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro al pancreas: nuovo farmaco ne aumenta la sopravvivenza

Il trattamento combinato nab-paclitaxel con gemcitabina aumenta significativamente la sopravvivenza nelle persone colpite da tumore del pancreas metastatico.


Rispetto alla sola terapia con gemcitabina, infatti, a 6 mesi il dato di overall survival (OS) e’ del 66% contro il 55%. A 12 mesi di 35% contro il 22% e a due anni del 10% rispetto al 5%. “Sono risultati incoraggianti, che dimostrano per la prima volta dopo anni l’efficacia di una nuova terapia contro il cancro del pancreas – commenta il dott. Michele Reni, dell’Ospedale San Raffaele di Milano, durante il 50mo Congresso mondiale dell’ASCO in corso a Chicago, dove sono stati presentati i dati aggiornati dello studio MPACT, condotto su 861 pazienti in tutto il mondo.  E spiega. “Il nab-paclitaxel, molecola frutto di innovative sperimentazioni nano-tecnologiche, si lega all’albumina, una proteina del sangue, e riesce a raggiungere con maggiore efficacia la sede del tumore e facilita la penetrazione nella massa tumorale degli altri farmaci associati.

Il cancro del pancreas colpisce ogni anno oltre 12mila persone in Italia. I progressi con nab-paclitaxel sono evidenti, ma per questa indicazione la molecola non e’ ancora stata approvata nel nostro Paese, mentre viene gia’ utilizzata nelle neoplasie della mammella.

Ci auguriamo pero’ che possa essere rimborsata dal SSN gia’ entro la fine del 2014″. Lo studio MPACT ha coinvolto ricercatori australiani, statunitensi, canadesi ed europei. Per l’Italia hanno partecipato molti gruppi coordinati dall’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: