Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Endometriosi: scoperte molecole …

Individuato un pattern d…

‘NOVAIR’ – Broncopneumopatia Cro…

Firenze 15-17 febbraio 20…

Descritta molecola che regola i …

[caption id="attachme…

Biotecnologie ed Innovazione in …

Incontro a Milano tra esp…

Torna il Premio Civitas - XVIII …

In ricordo delle vittime …

Obesità e carenza di vitamina D,…

Sono stati pubblicati sul…

Ipertensione arteriosa: tutta co…

Pressione arteriosa, quan…

Alzheimer: nuovi frammenti prote…

Ricercatori israeliani sc…

Salmonella: ceppo batterico supe…

Dopo l'allarme E.coli, il…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cetuximab: nuove conferme nel trattamento di prima linea del carcinoma del colon retto metastatico (mCRC)

merck_serono_logo2

·         I nuovi risultati provenienti dal Congresso ASCO 2014 ribadiscono l’efficacia di cetuximab in associazione alla chemioterapia standard nel trattamento di prima linea dei pazienti con carcinoma del colon retto  metastatico e senza mutazioni di RAS (ovvero RAS wild-type)

Roma, 18 giugno 2014 – Nuove conferme per Cetuximab nel carcinoma del colon retto metastatico RAS wild-type giungono dal congresso ASCO: il farmaco, introdotto in Italia nel 2005, cinque anni fa ha ottenuto  la rimborsabilità da parte dell’AIFA anche nella prima linea del carcinoma del colon retto.

Era infatti giugno 2009 quando l’AIFA ne autorizzava la rimborsabilità in questa indicazione, in associazione con la chemioterapia standard in pazienti con gene KRAS non mutato (wild type). Da allora la valutazione dello stato di questo  marcatore biologico ha permesso di individuare a priori i pazienti con una probabilità più elevata di trarre beneficio da questo anticorpo monoclonale. Nel frattempo, la ricerca scientifica non si è fermata: numerosi studi hanno valutato ulteriori mutazioni dei geni RAS: gli esoni 3 e 4 di KRAS e gli esoni 2, 3 e 4 di N-RAS1-5. I risultati di tali studi hanno permesso all’EMA, nel dicembre 2013, di approvare il cambio di indicazione sull’uso di cetuximab nei pazienti affetti da carcinoma del colon retto metastatico con geni RAS wild-type.

“In questi ultimi cinque anni – ha affermato il Dottor Carmine Pinto, Presidente eletto AIOM e Direttore dell’Unità operativa di Oncologia medica del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna – abbiamo assistito ad un sostanziale cambio di approccio nell’affrontare questa grave neoplasia: oggi, infatti, il profilo genetico dei pazienti ci offre un messaggio preciso e ci indica a priori con quale terapia iniziare il trattamento del carcinoma del colon retto metastatico, evitando di sottoporre a terapie inutili quanti non risultino idonei.”

In Italia, il carcinoma del colon retto è in assoluto il tumore a maggiore insorgenza, con quasi 55.000 diagnosi stimate nel 2013. Tra gli uomini si colloca al terzo posto, preceduto da quello della prostata e del polmone (14% di tutti i nuovi casi di tumore). Nelle donne si trova al secondo posto con il 14%, preceduto da quello alla mammella6. Nonostante questi numeri preoccupanti, ancora oggi un paziente su quattro si presenta alla diagnosi quando il tumore si è già diffuso ad altri organi, in un processo conosciuto come metastatizzazione2.

In coincidenza con i cinque anni  di cetuximab in prima linea nel mCRC, al Congresso ASCO 2014, che si è appena concluso a Chicago, sono stati presentati nuovi dati sull’efficacia del farmaco. Tali dati sono emersi dalle analisi retrospettive di due studi che hanno rappresentato delle pietre miliari nell’ambito della ricerca su questo anticorpo monoclonale: lo studio CRYSTAL e lo studio OPUS. In particolare, l’analisi retrospettiva dello studio CRYSTALa evidenzia un aumento della sopravvivenza globale mediana di 8,2 mesi nei pazienti affetti da mCRC con tumori RAS wild-type trattati con cetuximab in associazione a FOLFIRI rispetto al solo FOLFIRI4. Inoltre l’analisi retrospettiva dello studio OPUSb ha fatto emergere un beneficio clinico nei pazienti affetti da mCRC con tumori RAS wild-type trattati con cetuximab in associazione a FOLFOX-4 rispetto al solo FOLFOX-43, , rafforzando i risultati mostrati dallo studio CRYSTAL.

“Le novità presentate al Congresso di Chicago – ha dichiarato il Dottor Carlo Garufi, Oncologo Medico dell’Istituto Regina Elena di Roma -, rafforzano il ruolo predittivo dell’importanza di un test genico come RAS nella scelta della terapia ottimale del cancro del colon-retto metastatico. Quando i pazienti sono selezionati in base all’assenza di mutazioni per questo gene, ovvero nello stato wild-type, l’aggiunta del cetuximab alla chemioterapia nel trattamento di prima linea di questa malattia determina indubbi vantaggi in termini di sopravvivenza.”

Informare il paziente riguardo l’esistenza del test RAS e renderlo consapevole delle possibilità a disposizione per la terapia del carcinoma del colon retto metastatico dovrebbero costituire  obiettivi importanti nella comunicazione tra medico e paziente.

“Un paziente informato e consapevole – ha sottolineato la Dottoressa Laura Del Campo, Direttore AIMaC (Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici) – è un prezioso alleato nel percorso di cura di un tumore. L’introduzione dei test dei biomarcatori ha inevitabilmente introdotto nuove modalità di comunicazione tra il medico ed il paziente oncologico ed è fondamentale dedicare tempo alla spiegazione chiara e dettagliata di cosa essi significhino per la scelta del trattamento.”

“Siamo orgogliosi di poter ribadire l’efficacia di cetuximab nel carcinoma del colon retto  metastatico – ha dichiarato la Dottoressa Alessandra Aloe, Medical Affairs Director di Merck Serono S.p.A. – Il successo di cetuximab costituisce un importante riconoscimento della correttezza dell’approccio di Merck Serono al trattamento dei tumori, orientato sempre di più all’utilizzo dei biomarcatori per offrire ai pazienti la terapia più adatta al loro profilo genetico.”

aCRYSTAL: Cetuximab combined with iRinotecan in first line therapY for metaSTatic

colorectAL cancer

bOPUS: OxaliPlatin and cetUximabin firSt-line treatment of metastatic colorectal cancer [mCRC]

Bibliografia

1. Douillard J-Y, et al. N Engl J Med. 2013;369(11):1023–34.

2. Van Cutsem E, et al. Ann Oncol. 2010;21(Suppl 5):v93–7

3. Bokemeyer C, et al. Oral presentation at the 2014 American Society of Clinical

Oncology Annual Meeting, May 30–June 3, 2014.

4. Ciardiello F, et al. Oral presentation at the 2014 American Society of Clinical Oncology Annual Meeting, May 30–June 3, 2014

5. Stintzing S, et al. European Cancer Congress 2013:Abstract No:LBA17

6.AIOM, CCM, AIRTUM I numeri del cancro in Italia 2013;pag. 85-90

Informazioni relative a cetuximab

Cetuximab è un anticorpo monoclonale IgG1 di prima classe e ad ampia azione, indirizzato all’EGFR, il recettore del fattore di crescita epidermico. Come anticorpo monoclonale, il meccanismo di azione di cetuximab si distingue dai trattamenti chemioterapici standard non  selettivi in quanto punta in modo specifico e si lega all’EGFR. Il legame inibisce l’attivazione del recettore ed il successivo processo del segnale di trasduzione, riducendo sia l’invasione dei tessuti normali da parte delle cellule tumorali sia l’espansione del tumore a nuovi siti. Si ritiene inoltre che inibisca la capacità delle cellule tumorali di riparare il danno causato dalla chemio e radioterapia e la formazione di nuovi vasi sanguigni all’interno dei tumori, che si traduce nel portare ad una globale soppressione della crescita tumorale.

L’effetto collaterale più comune con cetuximab è un rash cutaneo simile all’acne che sembra essere correlato ad una buona risposta alla terapia. In circa il 5% dei pazienti, possono comparire reazioni di ipersensibilità durante il trattamento con cetuximab: circa la metà di queste reazioni è di grado severo.

Cetuximab ha già ottenuto l’autorizzazione alla commercializzazione in 90 Paesi per il trattamento del tumore del colon-retto metastatico e per il trattamento del tumore della testa e del collo a cellule squamose (SCCHN).

Merck ha acquisito il diritto alla commercializzazione di cetuximab fuori dagli Stati Uniti e dal Canada da ImClone LLC, una filiale totalmente di proprietà della Eli Lilly and Company, dal 1998. In Giappone, ImClone Systems Incorporated, Bristol-Myers Squibb Company e Merck sviluppano e commercializzano congiuntamente cetuximab. Merck è attivamente impegnata nell’avanzamento dei trattamenti in oncologia e sta studiando nuove terapie in aree altamente specialistiche.

 

Informazioni su Merck Serono

 

Merck Serono è la divisione biofarmaceutica di Merck. Con sede centrale a Darmstadt, Germania, Merck Serono offre, in 150 Paesi, prodotti all’avanguardia in oncologia, sclerosi multipla, infertilità, disfunzioni endocrine e del metabolismo, oltre che in patologie cardiometaboliche. Negli Stati Uniti e in Canada Merck Serono opera con proprie affiliate con la denominazione EMD Serono.

Merck Serono ricerca, sviluppa, produce e commercializza farmaci da prescrizione di origine chimica o biotecnologica in indicazioni specialistiche. L’Azienda è fortemente impegnata nello sviluppare nuovi trattamenti nelle proprie aree terapeutiche d’elezione: neurologia, oncologia, immuno-oncologia e immunologia.

Informazioni sul Gruppo Merck

 

Merck è un’azienda leader specializzata in prodotti innovativi, di qualità superiore e ad alta tecnologia, nei settori chimico e farmaceutico. Nel 2013 Merck ha generato vendite per 11,1 miliardi di Euro nelle sue quattro divisioni: Merck Serono, Consumer Health, Performance Materials e Merck Millipore. Circa 38.000 dipendenti operano in 66 paesi per migliorare la qualità della vita dei pazienti, favorire il successo dei  clienti ed aiutare a rispondere alle sfide globali.

Merck è la società farmaceutica e chimica più antica al mondo. Sin dal 1668 Merck vuol dire innovazione, successo imprenditoriale e responsabilità sociale. Ancora oggi, con una partecipazione pari a circa il 70%, la famiglia fondatrice detiene la quota di maggioranza della Società. Merck (Darmstadt, Germania), detiene i diritti globali sul nome e marchio Merck. Le sole eccezioni sono costituite da Canada e Stati Uniti, dove la Società è presente come EMD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: