Omega 3: diminuiscono incidenza …

Il consumo di acidi g…

DNA: ricerca italiana mette in l…

Piccoli, ma importantissi…

Cat: super-microscopio ad altiss…

L'apparecchio ad altissim…

Tumori al fegato: rischio tripli…

Con un parente di primo g…

Speciali miscele lipidiche contr…

La lotta ai batteri multi…

Onco-giano, gene mutante bifront…

L’hanno battezzato “onco-…

Marijuana: può provocare seri di…

L’uso di marijuana è stat…

GSK 'open access', rende pubblic…

[caption id="attachme…

Infarto e terapia con cellule st…

Presto potremmo avere a d…

Enzima nei leucociti riesce a de…

[caption id="attachment_6…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Ibuprofene: via il mal di testa, e potrebbe allungare la vita

Il popolarissimo ibuprofene, oltre a essere efficace contro il mal di testa, potrebbe anche allungare la vita.


Una serie di esperimenti condotti da un gruppo di ricercatori della Buck Institute for Age Research in California ha dimostrato che l’antidolorifico e’ in grado di prolungare la vita dei lieviti, dei vermi e delle mosche di circa il 15 per cento.  Tradotto in termini umani, come riporta la rivista Plos Genetics, l’ibuprofene potrebbe prolungare la vita in buona salute fino a 12 anni.

Le dosi utilizzate nel corso dei test sono assimilabili a quelle assunte ogni giorno da milioni di persone per trattare il mal di testa, i dolori muscolari, le distorsioni, l’influenza, ecc. Non e’ chiaro esattamente come il farmaco sia capace di rallentare l’invecchiamento, ma sembra che ci sia un collegamento con la capacita’ delle cellule di assumere il triptofano, un composto presente ad esempio nelle uova e nel cioccolato.

“Il nostro studio – ha detto Michael Polymenis della Texas A&M University, che ha partecipato allo studio – sostiene l’idea che i farmaci di uso comune possono avere proprieta’ inaspettate. Abbiamo solo bisogno di piu’ ricerca per esaminare e comprendere queste proprieta'”. Ma attenzione, precisano i ricercatori, a non incorrere nella cattiva abitudine delle auto-medicazioni.
Sebbene l’ibuprofene sia un farmaco sicuro, puo’ pero’ causare problemi come ad esempio ulcere allo stomaco. Inoltre, dosi piu’ elevate prese a lungo termine per condizioni come l’artrite possono aumentare il rischio di ictus e attacchi di cuore e anche ridurre la fertilita’ di una donna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: