Fumo passivo: otto italiani su d…

Otto italiani su 10 non s…

Cellule epatiche da staminali ot…

Un team di scienziati bri…

Bambini e Antibiotici, sono semp…

L’Italia è tra i Paesi eu…

Cure palliative: al "Girasole" d…

Un ambiente pensato e str…

Papillomavirus: uomini più espos…

Il papillomavirus umano …

Obesità: metabolismo riceve meno…

L'alterazione dei livelli…

Il meccanismo dei chemioterapici…

Identificato un meccanis…

Epatite B e C: Uno studio del Sa…

Un difetto funzionale del…

Nano-spugne, per rilascio intell…

Un gruppo di ricercatori …

Tumore ovarico: i sintomi piu' c…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

SANIT: Quanto costa mangiare sano? Poco se si sceglie un’alimentazione ‘sostenibile’ rispettando alcune semplici regole

expo2015_logoIl 78% degli italiani è consapevole dell’importanza di una nutrizione sana e sicura per rispettare lo stato di salute del pianeta. In calo gli sprechi alimentari

Negli ultimi anni il dibattito su un’alimentazione consapevole e sana e, in generale sul benessere degli individui si è fatto preponderante agli occhi dell’opinione pubblica italiana, complice anche la crisi economica che sta costringendo a rivedere il sistema alimentare globale, verso una maggiore sostenibilità. Cambiano quindi anche i comportamenti,  oltre la metà degli italiani (51%) ma ancor più al Sud (59%), dichiara di aver diminuito gli sprechi alimentari ed il 78% della popolazione è consapevole dell’importanza di un’alimentazione sana e sostenibile per il pianeta (dati Ispol).

Dell’importanza di creare nuovi sistemi alimentari sostenibili se ne è parlato in occasione dell’11° edizione del SANIT – Forum Internazionale della Salute  (14 al 17 Dicembre, Palazzo dei Congressi di Roma) durante il convegno, Sostenibilità dei sistemi alimentari: come combinare salute, nutrizione e protezione dell’ambiente, in collaborazione con: CRA – Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura e IAMB – Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari.

Esponenti delle più prestigiose istituzioni scientifiche italiane (CRA, CIHEAM-BARI,ENEA, CNR), hanno sottolineato le rilevanti conseguenze dirette che la produzione e il consumo di cibo hanno sulla salute e sullo status nutrizionale dei consumatori, ma anche quelle indirette, sulle risorse naturali, l’ambiente, la cultura alimentare, l’economia e la società. La sostenibilità (ambientale, economica, socio-culturale, nutrizionale-salutistica) dei moderni sistemi alimentari e dei prodotti agroalimentari che ne sono alla base è fondamentale per assicurare la sicurezza alimentare e nutrizionale alle presenti e future generazioni nonché per lo stato di salute del pianeta.

Ma quanto costa mangiare sano? L’opinione comune è portata a credere che perseguire un’alimentazione corretta sia troppo dispendioso, ma non è così, l’importante è seguire alcune semplici regole: Scegliere prodotti più economici senza rinunciare alla qualità, leggere attentamente le etichette, a volte il cibo che costa di più è meno nutriente;  consumare frutta e verdura che forniscono un ottimo apporto nutrizionale a un costo moderato; acquistare alimenti di stagione e prodotti a KM0.

“Quest’anno il leitmotiv del SANIT è Alimentare la Salute. Con il termine alimentare non solo si è mirato a trattare il tema della nutrizione del corpo e della salubrità degli alimenti, ma si è voluto dare spazio anche alla cura della persona, alla prevenzione e la promozione di stili di vita salutari, lo sport, il benessere psicofisico” – ha dichiarato Andrea Costanzo, Presidente SANIT.

Un’edizione speciale quella del SANIT di quest’anno che vede tra i suoi patrocinatori anche Expo 2015, oltre alla Commissione Europea, al Ministero della Salute, Ministero delle Politiche Agricole alimentari e forestali, Regione Lazio, Roma Capitale, Coni, Unioncamere e Farmindustria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: