Caffeina per il Parkinson, sosta…

La caffeina potrebbe aiut…

Leucemia mieloide acuta: passi i…

Alcuni ricercatori europe…

Farmaco anticancro si rivela eff…

Secondo uno studio pubbli…

Disfunzione erettile: parte la c…

In Italia ne soffrono 3 m…

Connessioni tra apnee notturne e…

I disturbi respiratori ne…

HPV HC2 e PAP test: insieme effi…

[caption id="attachment_7…

La buccia di mandorla, prebiotic…

[caption id="attachment_6…

Cellule staminali da laboratorio

Cellule staminali isolate…

A Trescore Cremasco una giornata…

Venerdì 13 maggio, a Tres…

Tumori: scoperti due nuovi bioma…

Presto un semplice esame …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

HIV: più esposte le donne che usano contraccettivo iniettabile

Le donne che fanno uso del contraccettivo iniettabile hanno maggiori probabilita’ di contrarre il virus dell’Hiv rispetto alle donne che usano altre forme contraccettive o che non usano proprio niente.


Lo ha scoperto uno studio della University of California di Berkeley, pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases. Dai risultati e emerso che il contraccettivo conosciuto come medrossiprogesterone acetato depot (DMPA) aumenta del 40 per cento il rischio di contagio da Hiv. contraccezionePer arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno effettuato una revisione di 12 studi che ha coinvolto in totale oltre 39.500 donne. Si stima che in tutto il mondo sono circa 144 milioni le donne che fanno ricorso alla contraccezione ormonale e, in particolare, 41 milioni le donne che utilizzano la forma iniettabile e 103 milioni che prendono la pillola. Ebbene, dai risultati dello studio e’ emerso che le donne che usano la contraccezione ormonale sono piu’ a rischio.

Ma ad essere ancora piu’ a rischio sono le donne che usano la contraccezione iniettabile.
Questo, secondo i ricercatori, potrebbe avere spiegazioni fisiche e comportamentali. Dal punto di vista comportamentale, le donne che fanno uso di metodi contraccettivi ormonali tendono a a usare meno spesso il preservativo.

Inoltre, secondo gli studiosi, il contraccettivo iniettabile potrebbe indurre modifiche strutturali del tratto genitale, alterando le risposte immunitarie e cambiando la flora vaginale. Tutte modifiche che potrebbero aumentare la suscettibilita’ delle donne all’Hiv.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: