Obesità: non sempre i trattament…

Una formula comune utiliz…

Frammenti del virus HPV contenut…

[caption id="attachment_6…

Fecondazione: impiantare uno o d…

Se si fa una procreaz…

Tumori della pelle: uomini più p…

Scoperte le basi della ma…

Aspirina: i mille volti di un fa…

VII° Congresso Regionale …

Procreazione Medicalmente Assist…

Tra i rischi da conoscere…

Antidiabetico e fratture ossee. …

Curarsi per il diabete e…

Casi di psoriasi che aumentano i…

La probabilità aumenta da…

Neuroni: scoperto il meccanismo …

E' possibile produrre piu…

Alla ricerca di recenti mutazion…

Due nuovi studi dimostran…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Malaria: l’efficacia di un farmaco già esistente, ma utilizzato per altro

Un farmaco gia’ approvato per il trattamento di altre malattie potrebbe essere utile per combattere la malaria cerebrale.


Dopo aver scoperto che la leptina – un ormone secreto dal tessuto adiposo con lo scopo si sopprimere l’appetito, ma anche attivo nelle risposte immunitarie adattive e antinfiammatorie – svolge un ruolo importante e negativo nella promozione dei sintomi neurologici e nella morte, un gruppo di ricercatori Harvard T.H. Chan School of Public Health ha suggerito che e’ possibile utilizzare la rapamicina, gia’ approvata per il trattamento di altre malattie, per inibire la proteina mTor, che viene attivata quando la leptina agisce sulle cellule T citotossiche.malaria
In uno studio su modelli murini, descritto sulla rivista Nature Communications, i ricercatori hanno scoperto che la rapamicina e’ in grado di offrire una protezione dalle complicazioni neurologiche della malaria cerebrale.

Questa protezione e’ dovuta in parte al fatto che la barriera ematoencefalica viene preservata, impedendo l’ingresso delle cellule del sangue che trasportano il parassita responsabile della malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: